Connect with us

ATTUALITA'

Non é solo un hacker

Pubblicato

il

Di Alberto Zali

– È nuovamente guerra fredda tra Usa e Russia. Questa volta, le due super potenze si contendono il diritto di processare Evgenij Nikulin, giovane hacker russo arrestato a Praga tre giorni fa.

L’ACCUSA:

Nikulin è stato accusato dagli Americani per violazione dei server di Linkedin e Dropbox. I Russi hanno risposto richiedendo a loro volta l’estradizione, ma l’accusa mossa da Mosca è quella di furto – il danno si limiterebbe a poche centinaia di dollari.

Ma a far tremare il mondo è il sospetto che Evgenij sia in possesso di alcune importanti informazioni sul Partito Democratico americano. La Repubblica Ceca si trova ora tra l’incudine e il martello: consegnare il giovane hacker agli Americani inasprirebbe i rapporti con i vicini Russi; viceversa, se consegnassero Evgenij ai Russi, rischierebbero di inimicarsi gli Usa.

I RISVOLTI POLITICI:

Le accuse mosse dagli Usa rischiano di minare il disgelo promesso da Donald Trump, il quale si è dimostrato più che intenzionato a collaborare con Vladimir Putin affinché non si creino nuovi conflitti.

Sorge quindi spontanea una domanda: che interessi avrebbe il governo russo a sabotare quello americano attraverso un attacco di cyber pirataggio? La domanda rimane senza risposta, così come anche un’altra domanda posta in essere da alcuni “complottisti”: è possibile che questa sia solo una mossa del Partito Democratico per insidiare l’operato del nuovo presidente degli Stati Uniti? O ancora: è possibile che questa sia opera di una qualche intelligence che non vuole questo tanto atteso disgelo?

In entrambi i casi, Evgenij risulterebbe essere solo una pedina mossa da un qualche scacchista di cui noi non conosciamo il volto.

Ovviamente siamo di fronte solo a due ipotesi. Che siano fondate o meno importa relativamente: in un’epoca in cui le grandi guerre si combattono attraverso interventi economici e politici studiati a tavolino, cose come queste – con ogni probabilità –  sono all’ordine del giorno. Ciò che realmente importa è che questa situazione trovi una svolta al più presto, sperando che le azioni dell’hacker non incrinino i rapporti fra le due super potenze.

Ma forse, come asseriscono i Russi, Nikulin si è “solo” limitato al furto di poche centinaia di dollari e tutto ciò è solo un grande fraintendimento.

 

SE VUOI SAPERNE DI PIÙ…

su sistemi di pirataggio informatico e sul deep web, ti consigliamo di leggere i seguenti articoli:

www.sharing.school/hacker-invasioni-invisibili/

https://sharing.school/deep-web-cosa-conosci-realmente/

ATTUALITA'

POLITICA E ALIMENTAZIONE/La guerra agli hamburger di soia

Pubblicato

il

 

I prodotti a base vegetale stanno riempiendo sempre di più gli scaffali dei supermercati italiani.

Oggi è possibile sostituire i tradizionali prodotti a base di carne con hamburger di soia, salsicce di seitan o polpette vegetali. Il nome “hamburger di soia”, per esempio, può risultare paradossale, ma non in un mondo dove il futuro della carne è vegetale.

9 italiani su 10 sono favorevoli all’utilizzo di termini come questo, che rimandano inevitabilmente al mondo della carne con lo scopo di rendere il consumatore più consapevole del prodotto e promuovono scelte alimentari più salutari e sostenibili. È indubbio che si tratti di marketing, ma è davvero un tema su cui dover discutere?

Per alcuni deputati della Camera, sì.

Una proposta di legge che vuole vietare l’uso di nomi riconducibili alla carne per i prodotti vegetali è stata infatti presentata nella Commissione Agricoltura della Camera. L’obiettivo di questa legge è quello di difendere gli allevamenti e la produzione di carne italiana, che sarebbero svantaggiati dalla concorrenza di scelte alternative. Prodotti come la “bresaola di seitan” o la “bistecca di tofu” potrebbero, secondo i promotori della legge, indurre chi compra a pensare erroneamente che questi alimenti siano esattamente identici alla carne a livello nutrizionale.

Secondo l’organizzazione per i diritti animali “Essere Animali”, l’argomento della legge è fuorviante, perché ci sono differenze nutrizionali anche tra prodotti a base di carni diverse con lo stesso nome. I prodotti che usano questo tipo di termini, inoltre, avvicinano le persone a un’alimentazione più veg, una scelta migliore non solo per la salute ma anche per l’ambiente.

La proposta di legge, infatti, non considera i vantaggi a livello di sostenibilità ambientale che offre l’alimentazione vegetale: un report della Commissione Europea ha dimostrato che il settore zootecnico (una parte del settore primario che consiste nell’allevamento, nell’addomesticamento e nello sfruttamento di animali a fini produttivi) è responsabile per l’81- 86% delle emissioni totali di gas serra nell’agricoltura.

Per questi motivi Essere Animali ha lanciato una petizione per chiedere al Governo di impegnarsi a bloccare la proposta.

 

Continua a leggere

ATTUALITA'

MALASANITÀ/Il dramma del neonato morto al Pertini

Pubblicato

il

L’otto gennaio di quest’anno, al ospedale Pertini di Roma un neonato è morto soffocato quando la madre che lo stava allattando si addormenta.

Successivamente la procura ha aperto un fascicolo: “omicidio colposo”.

Intanto però la notizia si diffonde, e il padre del neonato racconta al Messaggero di come la donna fosse sfinita e priva di energie dopo ben 17 ore di travaglio.

La moglie aveva più volte chiesto ai responsabili del reparto di portare il neonato al nido del ospedale per poter riposare, anche solo per qualche ora.

Ma il permesso le era sempre stato negato.

Nei giorni successivi il fatto ha scatenato un accesso dibattito riguardante le procedure post-parto degli ospedali.

Infatti, negli ospedali solitamente è previsto il cosiddetto “rooming-in”, ovvero il neonato subito dopo il parto, viene tenuto nella stessa stanza della madre anziché in una camera in comune con altri neonati.

A questa pratica però, dovrebbe essere sempre proposta un alternativa cioè la gestione dei neonati da parte del Asilo del ospedale, fino al termine della permanenza.

Questa seconda opportunità non viene sempre tenuta in considerazione, e centinaia di donne nei giorni scorsi hanno raccontato la loro esperienza denunciando che la possibilità di usufruire del nido ospedaliero sia stata loro  negata.

Le domande che ci si pongono in questi casi sono molteplici: Cosa sarebbe accaduto se questa donna avesse potuto riposare per qualche ora? O anche solo sé qualcuno avesse avuto cura si sorvegliarla e assisterla? La pratica di rooming-in vale per qualsiasi situazione? È  davvero la scelta più adeguata?

Il drammatico evento che ha portato  il decesso del neonato di Roma dovrebbe stimolare le coscienze e una azione diretta delle istituzioni per tutelare maggiormente la salute delle donne dopo il parto.

Continua a leggere

DALL'EUROPA

MODA/Un italiano al timone di Luis Vuitton

Pubblicato

il

 

Pietro Beccari è il nuovo amministratore delegato e presidente di Louis Vuitton. Un italiano, dunque, guiderà la marca francese di lusso più nota al mondo fondata da Bernard Arnault. Beccari succederà a Michael Burke. Mentre alla guida di Dior andrà Delphine Arnault, figlia primogenita dell’imprenditore attualmente “uomo più ricco del mondo” secondo Forbes. Un cambio ai vertici che era nell’aria e attendeva solo la conferma ufficiale. Questo è forse il primo dei molti i cambiamenti che attendono il mondo della moda per questo 2023, nel management come nelle direzioni creative.

Pietro Beccari, parmense classe 1967, ha iniziato il suo percorso professionale nel settore marketing di Benckiser (Italia) e Parmalat (Usa), per poi passare alla direzione generale di Henkel in Germania, dove ha ricoperto il ruolo di vicepresidente della divisione Haircare.

Nel 2006 è entrato in LVMH in qualità di vicepresidente esecutivo marketing e comunicazione per Louis Vuitton, prima di diventare Presidente e ceo di Fendi nel 2012. Da febbraio 2018 è presidente e ceo di Christian Dior Couture, oltre che membro del comitato esecutivo di LVMH.

“Pietro Beccari”, ha commentato Bernard Arnault, fondatore e CEO di LVMH: “ha svolto un lavoro eccezionale in Christian Dior negli ultimi cinque anni. La sua leadership ha accelerato il fascino e il successo di questa iconica Maison. I valori di eleganza di Monsieur Dior e il suo spirito innovativo hanno ricevuto una nuova intensità, supportata da designer di grande talento. La reinvenzione della storica boutique al 30 di Montaigne è emblematica di questo slancio. Sono certo che Pietro condurrà Louis Vuitton a un nuovo livello di successo e di desiderabilità”.

Continua a leggere

Trending