Connect with us

POLIS

ABORTO/Dall’Argentina una rivoluzione per il Sudamerica

Tea Sperandio

Pubblicato

il

Ci troviamo in Argentina, dove il 29 Dicembre 2020, dopo anni di lotte, è stato legalizzato l’aborto fino alla quattordicesima settimana di gestazione. Stiamo parlando di una grande conquista ed evoluzione per il paese che, fino a meno di una settimana fa, con una legge risalente al 1921, equiparava l’interruzione volontaria di gravidanza a un vero e proprio omicidio.

Il Senato si è riunito a Buenos Aires (capitale argentina) dove, dopo ben 12 ore di accesi dibattiti sulla questione, si è giunti all’approvazione della nuova legge con 38 voti a favore, 29 contrari e un’astensione. Siamo davanti ad un paese altamente influenzato dalla tradizione Cattolica; a questo si aggiunge una società ancora con forte retaggio maschilista.

Non è la prima volta che in Argentina le due Camere discutono del tema; già nel 2018 alla Camera dei Deputati era stato presentato, e in seguito approvato, un progetto di riforma. Tutto si concluse con la bocciatura da parte del Senato.

Durante l’ultima votazione, nella piazza antistante il Parlamento, si sono contrapposti cortei di persone pro e contro alla legalizzazione dell’aborto, che seguivano la riunione su un grande schermo. L’opposizione era composta in gran parte da persone cattoliche ed evangeliche, che, vestite di azzurro, sollevavano cartelli richiamanti “la voce di bambini non nati”. La senatrice Inés Blas, contraria all’approvazione della legge, ha affermato che l’interruzione di gravidanza è da considerare una vera e propria tragedia, che interrompe una vita sul nascere.

Sull’altro versante c’era il gruppo pro aborto, con manifestanti vestiti in verde, che sventolavano bandiere e cartelli nella speranza che la loro voce venisse ascoltata. Significative sono le parole della senatrice Silvina Garcìa Larraburu, che nel 2018 aveva votato contro il disegno di legge. “Il mio voto è a favore di tutte le donne libere, libere di decidere secondo la loro coscienza”, questa è stata la sua dichiarazione.

Il punto è proprio questo: prevedere la possibilità che siano le donne a scegliere che cosa fare della loro vita e del proprio futuro, senza essere colpevolizzate dall’assetto della società, dal sentire sociale. Spetta poi a loro elaborare individualmente la loro scelta, in quanto è giusto riconoscere che ognuno di noi vive situazioni personali differenti che vanno rispettate.

POLIS

OLTRE LA PANDEMIA/E se il futuro cominciasse a 16 anni?

Sara Avallato

Pubblicato

il

Tra le grandi discussioni politiche dell’ultimo periodo che, giustamente, si concentrano su vaccini, lockdown ed economia, capita anche che si facciano largo altri problemi, sicuramente secondari, ma non per questo non degni di nota.  Uno di questi è la spinosa questione del diritto di voto a partire dal compimento dei sedici anni di età.  (altro…)

Continua a leggere

POLIS

ATTACCO IN CONGO/Coinvolti due italiani

Avatar

Pubblicato

il

Nell’attacco a Goma, cittadina del Congo, sono rimasti coinvolti due italiani, l’ambasciatore Luca Attanasio ed il carabiniere Vittorio Iacovacci. L’ambasciatore è deceduto dopo esser stato colpito da un’arma da fuoco all’addome, arrivando in ospedale già in condizioni critiche. Le forze armate del Congo stanno facendo il possibile per rintracciare i colpevoli. Secondo alcune fonti, l’omicidio dell’ambasciatore e del carabiniere era in realtà un tentativo di rapimento, per poter richiedere una cospicua cifra. L’attacco è avvenuto intorno alle 10, ovvero le 9 italiane, presso la cittadina di Kanyamahoro. (altro…)

Continua a leggere

POLIS

BIELORUSSIA/Quando svolgere il proprio lavoro diventa reato

Avatar

Pubblicato

il

Da più di sei mesi in Bielorussia sono in corso proteste senza precedenti contro la contestatissima rielezione del presidente Aleksandr Lukashenko, ma, per capire meglio ciò che sta avvenendo, è necessario fare un passo indietro. (altro…)

Continua a leggere

Trending