Connect with us

MONDI

AJAX/La nascita di una nuova era

Avatar

Pubblicato

il

di Francesco Garbarino

– La partita di mercoledì contro il Real Madrid poteva essere un caso qualche anno fa ma non quest’anno perché l’Ajax sembra finalmente essere rinato dopo anni di disfatte e delusioni. L’Ajax questa stagione per rinascere ha deciso di puntare sui giovani, infatti l’età media è di 23 anni.

I protagonisti
Indubbiamente i protagonisti di questa favola sono tutti, ma qualcuno spicca per la bravura, per la personalità ma anche per la giovane età. Il primo giocatore si chiama Matthjis de Ligt, classe 1999, è il capitano dei lanceri ed è il massimo esponente delle giovanili dell’Ajax. Un predestinato che sicuramente farà strada poiché voluto da mezza Europa. Il secondo giocatore, anche lui classe 1997, si chiama Frankie De Jong e gli sono state affidate le chiavi del centrocampo a soli 21 anni. E al Bernabeu davanti a tutto lo stadio ha avuto il coraggio di mettere a sedere il Pallone d’Oro, Luka Modric. Anche per lui un futuro straordinario ma al Barcellona, trasferitosi a gennaio per 75 milioni di euro. Un giocatore un po’ meno giovane si chiama Dusan Tadic, classe 1988, ed è arrivato in Olanda questa estate: la cosa che ha fatto più discutere è che è stato l’acquisto più costoso della storia dell’Ajax e molti lo avevano trovato uno spreco di soldi, visto anche il pessimo mondiale giocato ma con il tempo si è preso l’Ajax. Lo ha dimostrato anche a Madrid contro il Real, vincendo praticamente da solo quella partita grazie a 3 assist e un gol.

Il futuro
Il futuro dell’Ajax dipenderà tutto dal calciomercato e dalle cessioni: dopo l’addio di De Jong, se non ci saranno altre vendite importanti, potrà seriamente tornare a sognare come quando in squadra c’erano alcuni giocatori più forti della storia e del mondo. Dopo questa impresa un po’ tutti tifiamo Ajax e non ci dispiacerebbe di nuovo vederli sul tetto d’Europa, sul tetto del mondo.

MONDI

KOBE BRYANT/Legends never die

Avatar

Pubblicato

il

26 Gennaio ore 19, arriva la notizia shock: Kobe Bryant è morto in un incidente in elicottero. Sembra uno scherzo o una delle tante fake news, ma più passa il tempo e più i giornali riportano la notizia.
È tutto vero: Kobe Bryant è morto mentre guidava il suo elicottero insieme ad altre 8 persone, tra cui sua figlia Gianna, di 13 anni.
Arriva subito il cordoglio dal mondo dello sport e non solo: gli rendono omaggio il presidente Trump, Obama, Cristiano Ronaldo, Messi, Djokovic e Totti, i suoi amici Michael Jordan e Lebron, e ancora i Los Angeles Lakers e il Milan, sue squadre del cuore.
Kobe Bryant è considerato uno dei più conosciuti e più forti cestisti della storia. Durante la sua gloriosa carriera ha conquistato 5 titoli con i Lakers e 2 medaglie d’oro alle Olimpiadi. Kobe Bryant è stato una star, un’ icona, una leggenda che non morirà mai.

Continua a leggere

MONDI

OSCAR 2020/Tra guerra e criminalità trionfa Joker

Avatar

Pubblicato

il

La notte degli oscar si avvicina, domenica 9 febbraio, infatti, vi sarà, per la novantaduesima volta, la sera della consegna dell’ambito premio cinematografico, la prima di questa nuova decade (altro…)

Continua a leggere

MONDI

SANREMO 2020/Siete pronti per la 70° edizione?

Avatar

Pubblicato

il

”Ho subito pensato di voler fare un Festival che potesse stupire”, queste le parole del conduttore televisivo Amadeus che quest’anno avrà il privilegio di condurre Sanremo 2020, il Festival della canzone italiana che si tiene ogni anno in provincia di Imperia, in Liguria.

Dal 4 all’8 febbraio, infatti, 22 cantanti italiani si esibiranno sul palco dell’Ariston portando nuova musica e cercando di emozionare il pubblico lì presente e quello a casa. Tra gli esordienti possiamo citare Elettra Lamborghini, Anastasio, Levante, Alberto Urso, Junior Cally, Rancore e Riki che proveranno per la prima volta l’emozione di cantare su un palco così importante. Non è di certo un’esperienza nuova però per gli altri Big, come Achille Lauro e Enrico Nigiotti che avevano già partecipato l’anno scorso, Elodie, Marco Masini e Francesco Gabbani che erano già stati al Festival nel 2017 e tanti altri. Parteciperanno anche gli artisti vincitori di Sanremo Giovani 2019 che fanno parte quindi della Sezione ‘Nuove Proposte’, tra cui c’è Fasma, Leo Gassman e Tecla Insolia, vincitrice di Sanremo Young. La 70° vedrà quindi il ripristino di questa sezione che era stata eliminata nell’edizione precedente.

Durante le 5 serate verranno ospitati Fiorello, Roberto Benigni, Tiziano Ferro, il cantante internazionale Lewis Capaldi, Emma Marrone, Pierfrancesco Favino e altri ancora. Insomma, non mancherà certo l’occasione di farsi due risate.

La trasmissione andrà in onda su Rai 1, Rai Radio 2 e Radio Italia e Amadeus sarà accompagnato da diverse 5 co-conduttrici. In palio c’è la partecipazione all’Eurovision Song Contest 2020 che quest’anno si terrà a maggio a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Le votazioni avverranno con un sistema misto composto dalla giuria demoscopica, da quella della sala stampa e dal televoto. Sarà poi eseguita una nuova votazione per i primi tre classificati.

Non ci resta quindi che domandarci: chi sarà il vincitore della 70° edizione di Sanremo?

Continua a leggere

Trending