Connect with us

ATTUALITA'

ATTACCO HACKER ALLE KEY DI INTERNET/Violate le protezioni del sistema

Avatar

Pubblicato

il

a cura della Redazione Sharing Nicoloso

– Nel 2016 un attacco informatico straordinario, di cui i giornali hanno tanto parlato, ha colpito gli Stati Uniti d’America e svelato molti segreti di internet al grande pubblico. Infatti gli hacker hanno attaccato DYN: uno dei fornitori di DNS, Domain Name System, un sistema che traduce gli indirizzi web dei siti in IP numerici che sono poi utilizzati dal computer. L’attacco ha colpito quindi molte piattaforme importanti come Amazon, New York Times, Spotify e Twitter.

DYN è stato violato con una grandissima quantità di richieste di accesso, inviate contemporaneamente non solo da computer, ma anche da altre macchine intelligenti come frigoriferi o stampanti. Gli hacker sono riusciti ad “impossessarsi” degli elettrodomestici smart, grazie ad una cosa che gli utenti fanno raramente: cambiare la password iniziale.
Per fortuna non è stato possibile prendere il controllo delle piattaforme sotto tiro; l’attacco ha però causato un black out informatico di qualche ora.

Dopo aver letto di recente questa notizia, ci è sorta una domanda: ma il DNS dove è conservato e come è protetto? Esistono solo tredici DNS centrali in tutto il mondo, la loro sicurezza è attuata tramite chiavi fisiche, che sono nelle mani di quattordici persone. Dal 2010, ogni tre mesi, i “guardiani di internet” si riuniscono per la “cerimonia delle chiavi”, durante la quale vengono aggiornate e verificate le stesse. I passaggi sono pomposi e avvengono tramite apertura di porte fisiche e scansioni digitali che aprono e chiudono l’accesso a stanze, come nei film americani. I partecipanti sono componenti dell’ICANN, Internet Corporation for Assigned Names e Numbers, che è responsabile dell’assegnazione di indirizzi internet numerici a siti web e computer.

Le persone scelte sono quattordici per distribuire la responsabilità e non centralizzare il potere in una sola di esse, sette di queste detengono le chiavi e le altre le “Backup key”. I componenti dell’ICANN abitano in diversi luoghi dispersi nel globo, ma a gruppi, perché – se per caso si dovesse agire su un DNS – deve esserci una persona vicina che intervenga al più presto.

Ma le chiavi di sicurezza che cosa aprono? Le chiavi fisiche aprono cassette di sicurezza all’interno delle quali ci sono delle smart card. Si ha bisogno di chiavi per accedere al dispositivo che genera “l’Internet master key”, più conosciuta come “key-signin key”, che è la chiave di firma principale, l’unica che può accedere al database ICANN. Con questa vengono generate altre chiavi, ognuna protegge una parte di rete in diverse parti del globo, e affidate a diverse organizzazioni di sicurezza.

Il 27 Ottobre 2017, c’è stata una cerimonia particolare: per la prima volta è stata cambiata la master card, precisamente la coppia di chiavi fondamentali per il sistema di sicurezza di DNS, nota come “Root Zone Signing key”. Come si può facilmente capire l’azienda “Internet”, l’Internet Corporation, sta prendendo sempre più valore, come il web stesso. A marzo 2016 la corporazione ha visto un giorno di grande valenza storica con il “giorno dell’indipendenza di Internet”, sottoscrivendo la riflessione uscita nel cinquantacinquesimo meeting a Marrakech, e si è posta come obiettivo che l’ente, adesso sotto supervisione statunitense, e la sua IANA, Internet Assigned Numbers, cominci a lavorare come un vero ente internazionale.

Come potete notare da questa serie infinita di “words” inglesi Internet è molto protetto, ma l’attacco avvenuto il 21 ottobre ha minato le sicurezze: pensare ad una violazione del DNS è un immagine apocalittica, immaginate di poter controllare il web e quindi di reindirizzare tutte le persone che lo usano ovunque vogliate, avendo accesso a infiniti dati riservati. Ovvero bloccare l’accesso a siti di ogni tipo, pubblica sicurezza, e-commerce o semplicemente impedire la visione della vostra serie tv preferita.

Internet quindi è un grandissimo canale di ricerca e conoscenza ma che, nelle mani sbagliate, può diventare una delle armi più potenti al servizio del potere o dell’ideologia.

DALL'ITALIA

CINEMA/Ai David di Donatello trionfano i grandi film

Avatar

Pubblicato

il

di Caterina D’Amico

– Si sono svolti a Roma agli Studi de Paolis, mercoledì 27, i premi dei David di Donatello, con la conduzione di Carlo Conti.
I David di Donatello sono finalizzati a premiare i grandi film del cinema italiano usciti nell’anno 2018 e sono considerati come “gli Oscar italiani”.
La serata ha visto la presenza di numerosi ospiti: sia personalità del cinema nazionale sia personaggi di spicco del cinema estero. (altro…)

Continua a leggere

ATTUALITA'

CHRISTCHURCH/Le due facce della Nuova Zelanda

Avatar

Pubblicato

il

di Sara Avallato

– Un gruppo di credenti è riunito in preghiera in una delle moschee di Christchurch, Nuova Zelanda, quando un uomo irrompe nell’edificio. Comincia a sparare, in un paio minuti le vittime sono decine. (altro…)

Continua a leggere

DALL'ITALIA

15 MARZO/Giovani in piazza per il futuro, ma domani?

Avatar

Pubblicato

il

di Sara Avallato

– Migliaia di studenti da ogni parte d’Italia e del mondo si sono riuniti ieri in piazza per protestare e far sentire la propria voce. A nessuno è infatti rimasto indifferente l’appello di scienziati, attivisti e ambientalisti a prendere finalmente sul serio l’impatto che gli uomini hanno sulla natura che li circonda.

Cosa possiamo fare?
Per troppi anni si sono ignorate le conseguenze dell’industrializzazione, scaricando alle generazioni future il peso di dover far fronte a tale problematica. Adesso, però, è diventato impossibile rimandare ulteriormente le nostre preoccupazioni. Per quanto possa sembrare minimo, l’aumento della temperatura media di soli 1,5 gradi porta con sé conseguenze drastiche alle quali ci stiamo lentamente avvicinando. Basti pensare che in poche decine di anni questa sia già salita di 0,8 gradi e che non accenni ad arrestarsi. Secondo la scienza, però, siamo molto vicini a superare quella soglia. L’aumento del livello del mare, come anche la diffusione di grave siccità in zone fino ad adesso sempre state abitate, sono ciò che ci aspetta in futuro se non prendiamo immediatamente provvedimenti.
Per quanto ognuno si possa adoperare per ridurre al minimo i propri sprechi, il grande passo deve essere fatto dalle industrie e dai nostri politici. Nonostante questi abbiano attuato piani a lungo termine per diminuire le emissioni di gas nocivi al nostro ambiente e allo stesso tempo aumentare le energie green, questo non basta. Si stima che anche se tutti i progetti venissero rispettati, cosa già di per sé non scontata, si finirebbe solo per rimandare di qualche anno l’inevitabile.

Tutti in piazza
È per questo che si è deciso di far sentir il proprio dissenso ed incitare i nostri capi di stato a prendere in mano la situazione.
La folla di studenti di ogni età che ha riempito le nostre piazze è stata ispirata, prima di tutto, da una giovane attivista svedese di soli 15 anni: Greta Thunberg. Si è fatta conoscere grazie alla sua decisione di saltare scuola ogni venerdì per manifestare davanti al parlamento, con l’obbiettivo di convincere i parlamentari di Stoccolma ad affrontare il problema del riscaldamento globale. I suoi sforzi sono stati ascoltati quando ha avuto l’opportunità di parlare al Parlamento Europeo di Bruxelles, catturando l’interesse dei media e di moltissimi giovani nel mondo.
Proprio dal suo impegno è nata l’organizzazione Fridays for Future, che ha proposto lo sciopero del 15 marzo. Sono stati in migliaia a portare con sé striscioni e cartelli e marciare per le più grandi città d’Italia, non presentandosi a scuola e lasciando moltissime aule praticamente vuote.
Ancora una volta è stata lasciata ai ragazzi la responsabilità di lottare per il proprio futuro e per il mondo nel quale cresceranno, ma le loro richieste saranno ascoltate?

Continua a leggere

Trending