Connect with us

Rapallo e Zoagli

Calcio/Entella-Ascoli 0-0: le impressioni dei tifosi

Avatar

Pubblicato

il

Di Arturo Barone e Alberto Zali
– In occasione dell’andata dei Play Off Entella – Ascoli, abbiamo raccolto il parere di alcuni tifosi a fine partita. La partita, conclusasi 0 – 0, ci consente di sperare ancora: giovedì, ad Ascoli, l’imperativo per restare in serie B sarà VINCERE. Una partita difficile fuori casa, ma che siamo certi i nostri abbiano tutte le capacità di vincere!

Intervista 1
“Allora, un parere a caldo sulla partita di sta sera?”
Nella partita di questa sera mi è sembrato che i vincitori siano stati i tifosi perchè non si era mai vista così tanta gente! Per la prima volta da un po’ di tempo i posti a sedere sono risultati tutti esauriti e l’atmosfera è stata molto coinvolgente.
“Come le sembra abbia giocato l’Entella? Ci si poteva aspettare qualcosa di più?”
La partita in sè poteva andare anche meglio, serviva la vittoria in casa. Ci sono state buone occasioni e comunque l’Entella ha giocato meglio, ha avuto un predominio territoriale ed ha fatto più tiri nonostante anche l’Ascoli si sia reso pericoloso, però comunque bene. Peccato per l’occasione di Aliji all ‘84. La convinzione e la voglia dopo tutto ci sono state, speriamo che nel ritorno si arrivi a una vittoria come quella a Novara poche settimane fa!
Intervista 2
“Salve, cosa ne pensa di come ha giocato l’Entella sta sera?”
Insomma, dalla squadra sta sera mi aspettavo qualcosa di meglio, però considerando anche tutte le partite del campionato appena concluso rispecchia un po’ le possibilità dell’Entella. Purtroppo quest’anno la squadra è questa, si sono riscontrati per l’ennesima volta i problemi a centrocampo e quindi è mancato molto il gioco. Si cerca di limitare i danni e fare quello che si può, adesso bisogna vincere a tutti i costi a causa del peggior posizionamento in classifica e del rischio retrocessione.
“Adesso dobbiamo vincere ad Ascoli, è fiducioso per la partita di ritorno?”
Io penso che l’orgoglio della squadra ci sia e che la partita di ritorno si possa anche vincere, ma non so cosa aspettarmi.
Intervista 3
“Salve, come le è sembrato l’Entella questa sera? Pensa che si meriti la serie B?”
Buona sera, la squadra questa sera mi è sembrata ancora decisa nel perseguire questo sogno e di credere ancora nella serie B, cosa che da tifoso spero anche se non è stato di certo un campionato facile. Abbiamo sofferto tanto però la speranza c’è. Ovviamente contro l’Ascoli è dura anche perchè questa sera abbiamo sprecato delle occasioni colossali ed è stato un vero peccato. L’Ascoli è una squadra equilibrata guidata da un allenatore esperto e quindi ad Ascoli sarà una battaglia da vivere per tutti i 90 minuti. Speriamo e crediamo ancora in questo sono, non sarà facile, ma ci affidiamo al nostro allenatore che spinga questi ragazzi a rimanere in serie B.
Tra un po’ di sfiducia data da un pareggio che sull’84esimo avrebbe tranquillamente potuto trasformarsi in una vittoria ed un campionato con alti e bassi, noi tifosi continuiamo a supportare l’Entella. E giovedì la gradinata sud sembrava proprio quella di una partita di Serie A. Chissà che un giorno non arriveremo proprio là!

Chiavari

COVID-19/L’impatto sul “Da Vigo-Nicoloso”

Avatar

Pubblicato

il

A causa della pandemia globale di Covid-19, le scuole si sono dovute adeguare alle nuove norme imposte dal governo.
Ovviamente questo è successo anche alla nostra scuola e noi studenti del “Da Vigo Nicoloso”, abbiamo deciso di elencare i principali cambiamenti delle nostre rispettive sedi.

Recco – Il liceo Da Vigo Nicoloso da Recco ha apportato alcune modifiche a seguito dell’ondata epidemiologica di Covid-19 che ha colpito il nostro paese. Per la sede di Recco, il primo grande cambiamento concerne le entrate e uscite da scuola. Gli ingressi sono stati scaglionati in due blocchi distanziati di dieci minuti, in modo tale da evitare l’afflusso nell’istituto di oltre 500 studenti contemporaneamente. Per evitare assembramenti, sono stati ampliati i punti d’accesso. Oltre che dal portone principale, è possibile accedere anche dalla palestra e dal cortile. Seguendo diligentemente le norme governative, l’istituto ha messo a disposizione dispenser di disinfettante ad ogni piano. Altri cambiamenti riguardano le ricreazioni: dal momento che non è più possibile consumare cibi e bevande, se non seduti al proprio banco, la scuola ha reso accessibili spazi come il cortile, in cui in precedenza potevano recarsi solo studenti maggiorenni. I vecchi banchi sono stati sostituiti con quelli mobili monoposto oppure muniti di rotelle. Questi ultimi sono molto pratici per il mantenimento delle distanze di sicurezza, ma al contempo limitanti per lo studente, poiché il piano di lavoro consente l’appoggio di massimo un libro o un quaderno aperto. Per concludere, l’ultima novità è illustrata nella circolare 418, che riguarda l’incremento di bus a favore dello spostamento degli studenti da casa al nostro istituto nella fascia oraria di entrata scolastica.

Chiavari – Forse i problemi più grandi che la neo-sede ha dovuto affrontare a causa del Covid-19, sono principalmente due: i banchi per le sezioni seconde e la divisione delle aule tra il Seminario Vescovile e la casa Marchesani.
Durante il primo mese e mezzo di presenza, le classi seconde hanno dovuto affrontare le lezioni in sedie da conferenza oppure in delle classiche sedie di plastica, senza il piccolo tavolino attaccato.
Per i primi giorni era anche abbastanza immaginabile, anche perché la sede era stata preparata e attrezzata per gli studenti solo pochi giorni prima del rientro scolastico, ma andando avanti con i giorni e iniziando a lavorare, gli studenti hanno avuto delle difficoltà.
L’altra questione è stata la separazione delle nuove classi prime dalle seconde. Questo ha portato dei problemi ai professori, talvolta obbligati a spostarsi da una sede all’altra nel cambio d’ora; ma probabilmente anche ai ragazzi, perché magari non si sentivano parte di un unico istituto.

Rapallo – Anche la sede di Rapallo ha dovuto rivoluzionare la sua organizzazione interna, sono stati scaglionati gli orari di entrata e uscita e differenziati gli ingressi per piano. Nell’atrio principale sono stati messi a disposizione per tutti postazioni di gel igienizzante e mascherine. Durante le pause, in sede si ha la possibilità di passare dieci minuti all’aria aperta in cortile, stando però attenti a mantenere sempre il corretto distanziamento. Non è più possibile sostare nei corridoi a chiacchierare durante gli intervalli.
Nonostante le regole ferree, ma necessarie, la maggior parte degli studenti si è dimostrata collaborativa e responsabile, per questo si auspica al più presto il ritorno a scuola in totale sicurezza.

L’epidemia ha cancellato cose che in passato davamo per scontate: scherzare con il compagno di banco, ripassare la lezione prima di una verifica, cercando l’ausilio del genio della classe, concedersi un momento di svago con gli amici durante la ricreazione. Spesso ci si chiede se un giorno si avrà nuovamente la possibilità di rivivere questi attimi della nostra quotidianità, mentre il ritorno alla “normalità” sembra ormai un miraggio. Cosa ne sarà di questo anno scolastico? E di quelli a venire? Per ora ce ne stiamo qui, a nascondere la nostalgia dietro uno schermo, sperando in un giorno dove virus, mascherine e distanziamento sociale saranno solo un lontano ricordo.

Continua a leggere

ORIZZONTI

#cosechenonsidicono/Diciamo no al bullismo

Avatar

Pubblicato

il

di Veronica Rabbi
– Questa settimana sharing ha posto un hashtag comune a tutte le redazioni con varie sfumature differenti. La nostra è: tra di noi, noi come ragazzi, noi come redazione, noi come scuola. A volte sembra che tra di noi si possa parlare di tutto, ma spesso anche se si è molto legati, parlare di temi sensibili è sempre difficile. Un tema purtroppo poco sensibilizzato e trattato tra di noi è il bullismo.

Continua a leggere

Da Vigo

Santa Margherita/La raccolta differenziata si può fare!

Valentina Testa

Pubblicato

il

di Valentina Testa

– Raccolta differenziata. Se vogliamo stare bene noi, dobbiamo occuparci anche dell’ambiente che ci circonda e un buon metodo potrebbe essere quello di fare la raccolta differenziata. (altro…)

Continua a leggere

Trending