Connect with us

Recco e dintorni

CAMOGLI/Crolla il cimitero e le bare finiscono in mare

Pubblicato

il

Il 22 febbraio di quest’anno si è avverata l’ennesima tragedia annunciata: una parte del cimitero del comune di Camogli (GE) è crollata, finendo in mare.

Quest’avvenimento era temuto in quanto lungo quel tratto di costa le frane si erano intensificate a causa dell’erosione marina. Le autorità locali avevano cercato di intervenire per provare a mettere freno a questo pericolo, ma purtroppo non è stato possibile evitare il disastro. Immediatamente dopo sono intervenuti i sommozzatori e i vigili del fuoco per recuperare i feretri caduti in mare, ma saranno necessari giorni affinché questo si riesca a realizzare, perché si sono inabissate ben 200 bare e il punto di costa da esplorare non è semplice.

Questa tragedia rimette sotto i riflettori un problema che riguarda molte zone in Italia, un Paese con un tipo di territorio spesso friabile che, dopo decenni di cementificazione selvaggia e sconsiderata, si ritrova a pagare un prezzo davvero esorbitante a scotto degli errori commessi da chi ha pensato al guadagno facile senza tutelare né il paesaggio né la natura stessa. Gli attuali membri delle amministrazioni locali cercano da tempo di combattere quello che i mutamenti climatici hanno velocizzato e addirittura fatto ripetere quasi ogni anno ormai: forti piogge per giorni e giorni, mareggiate intense sono nemici molto difficili da combattere.

Anche recuperare i cadaveri, ormai spostati dalle ccorrenti, non sarà uno scherzo; col trascorrere dei giorni la possibilità che essi percorrano diversi chilometri è davvero reale. Forse questo riuscirà a far riflettere tutti noi su come reagisca la natura dopo che non l’abbiamo rispettata a dovere.

Chiavari

COVID-19/L’impatto sul “Da Vigo-Nicoloso”

Pubblicato

il

A causa della pandemia globale di Covid-19, le scuole si sono dovute adeguare alle nuove norme imposte dal governo.
Ovviamente questo è successo anche alla nostra scuola e noi studenti del “Da Vigo Nicoloso”, abbiamo deciso di elencare i principali cambiamenti delle nostre rispettive sedi.

Recco – Il liceo Da Vigo Nicoloso da Recco ha apportato alcune modifiche a seguito dell’ondata epidemiologica di Covid-19 che ha colpito il nostro paese. Per la sede di Recco, il primo grande cambiamento concerne le entrate e uscite da scuola. Gli ingressi sono stati scaglionati in due blocchi distanziati di dieci minuti, in modo tale da evitare l’afflusso nell’istituto di oltre 500 studenti contemporaneamente. Per evitare assembramenti, sono stati ampliati i punti d’accesso. Oltre che dal portone principale, è possibile accedere anche dalla palestra e dal cortile. Seguendo diligentemente le norme governative, l’istituto ha messo a disposizione dispenser di disinfettante ad ogni piano. Altri cambiamenti riguardano le ricreazioni: dal momento che non è più possibile consumare cibi e bevande, se non seduti al proprio banco, la scuola ha reso accessibili spazi come il cortile, in cui in precedenza potevano recarsi solo studenti maggiorenni. I vecchi banchi sono stati sostituiti con quelli mobili monoposto oppure muniti di rotelle. Questi ultimi sono molto pratici per il mantenimento delle distanze di sicurezza, ma al contempo limitanti per lo studente, poiché il piano di lavoro consente l’appoggio di massimo un libro o un quaderno aperto. Per concludere, l’ultima novità è illustrata nella circolare 418, che riguarda l’incremento di bus a favore dello spostamento degli studenti da casa al nostro istituto nella fascia oraria di entrata scolastica.

Chiavari – Forse i problemi più grandi che la neo-sede ha dovuto affrontare a causa del Covid-19, sono principalmente due: i banchi per le sezioni seconde e la divisione delle aule tra il Seminario Vescovile e la casa Marchesani.
Durante il primo mese e mezzo di presenza, le classi seconde hanno dovuto affrontare le lezioni in sedie da conferenza oppure in delle classiche sedie di plastica, senza il piccolo tavolino attaccato.
Per i primi giorni era anche abbastanza immaginabile, anche perché la sede era stata preparata e attrezzata per gli studenti solo pochi giorni prima del rientro scolastico, ma andando avanti con i giorni e iniziando a lavorare, gli studenti hanno avuto delle difficoltà.
L’altra questione è stata la separazione delle nuove classi prime dalle seconde. Questo ha portato dei problemi ai professori, talvolta obbligati a spostarsi da una sede all’altra nel cambio d’ora; ma probabilmente anche ai ragazzi, perché magari non si sentivano parte di un unico istituto.

Rapallo – Anche la sede di Rapallo ha dovuto rivoluzionare la sua organizzazione interna, sono stati scaglionati gli orari di entrata e uscita e differenziati gli ingressi per piano. Nell’atrio principale sono stati messi a disposizione per tutti postazioni di gel igienizzante e mascherine. Durante le pause, in sede si ha la possibilità di passare dieci minuti all’aria aperta in cortile, stando però attenti a mantenere sempre il corretto distanziamento. Non è più possibile sostare nei corridoi a chiacchierare durante gli intervalli.
Nonostante le regole ferree, ma necessarie, la maggior parte degli studenti si è dimostrata collaborativa e responsabile, per questo si auspica al più presto il ritorno a scuola in totale sicurezza.

L’epidemia ha cancellato cose che in passato davamo per scontate: scherzare con il compagno di banco, ripassare la lezione prima di una verifica, cercando l’ausilio del genio della classe, concedersi un momento di svago con gli amici durante la ricreazione. Spesso ci si chiede se un giorno si avrà nuovamente la possibilità di rivivere questi attimi della nostra quotidianità, mentre il ritorno alla “normalità” sembra ormai un miraggio. Cosa ne sarà di questo anno scolastico? E di quelli a venire? Per ora ce ne stiamo qui, a nascondere la nostalgia dietro uno schermo, sperando in un giorno dove virus, mascherine e distanziamento sociale saranno solo un lontano ricordo.

Continua a leggere

Trending