Connect with us

TERRITORIO

COGORNO/Un viaggia tra le remote vie Romane

Pubblicato

il

Qualunque posto, indipendentemente dalla grandezza, nasconde i suoi segreti.

Possiamo prendere in considerazione sia grandissime città, che piccolissimi villaggi di campagna; ognuno ha i propri misteri.

Oggi vorrei parlare dei bellissimi sentieri dell’ardesia che si trovano sul monte San Giacomo, nel comune di Cogorno. Vivendo vicino a loro, ho avuto (e sto avendo) l’occasione di esplorarne e “assaporarne” qualcuno: ormai sono diventati il mio posto felice.

Un po’ di storia

Anche se l’ardesia era già conosciuta nell’epoca romana, le prime vere e proprie cave risalgono solo a molti secoli dopo.

E’ stato ritrovato un documento risalente al 1031 che ci racconta dell’esistenza di cave vicino a Santa Giulia. Nei tempi successivi, ci sono arrivate molte testimonianze di come la lavorazione di questa pietra fosse presente e, nel XIX secolo, 1/3 degli abitanti di Cogorno era impiegato in questa attività.

Parlando del San Giacomo, da tempo la pietra non estraggono più la pietra, infatti le cave della Val Fontanabuona hanno preso il controllo della produzione dell’ardesia sul territorio.

Su questo monte, la pietra veniva spesso prelevata con un antico metodo chiamato “a cielo” oppure “a tetto. 

L’ardesia e il suo trasporto

L’ardesia ricavata dalle cave liguri è riconosciuta da tutto il mondo per qualche sua particolarità.
La “pietra di Lavagna”al contrario di altri materiali, può essere ridotta in sottilissime lastre di pochi millimetri di spessore e rimanere lo stesso robusta.

Ed ecco qui che entrano in scena le donne, le celeberrime portatrici d’ardesia.
Loro correvano a piedi nudi per i sentieri dell’ardesia fino ad arrivare al mare, la loro meta.
Seminate tra le stradine immerse tra i boschi, ci sono varie pose: delle specie di panchine dove le ragazze si riposavano e prendevano fiato prima di ripartire.

Le Leggende raccontano di cadute che hanno provocato profonde ferite, anche mortali.
Queste donne non potevano permettersi di perdere tempo, lavoravano spesso in condizioni disumane.

I loro pranzi erano composti da specialità liguri come foccaccia di farina mista oppure verdure cotte miste e, per alleggerire le loro corse, intonavano insieme varie canzoni.

Insomma, consiglierei a tutti passare una giornata tra queste antiche vie, non solo per la storia che c’è dietro ma anche per i meravigliosi paesaggi che ci offre questo Monte.
Vi prometto che non ve ne pentirete affatto.

TERRITORIO

EUROFLORA 2022/Una stagione colorata

Pubblicato

il

In una splendida armonia di colori, profumi e scenari quasi fiabeschi, si apre la dodicesima edizione della più nota manifestazione floreale del Mediterraneo: Euroflora.                                                                                         Per la seconda volta, sono proprio i rinomati Parchi di Genova Nervi, ben noti e cari ai liguri, la sede dell’evento dal 23 aprile all’8 maggio. Ma, dopo due lunghi anni di attesa, sembra non si potesse sperare in una ripresa migliore; ancora una volta, questo ritorno è ciò che brillante creatività e un panorama impeccabile ci hanno garantito.

Struttura e contributori

Contornato dalla flora tipica del parco e dalle vecchie ville genovesi, si schiude qui un intreccio giocoso di vegetazione di ogni tipo, proveniente da tutta Europa e non solo. Infatti, diversi Paesi hanno donato e rappresentato la loro flora tipica alla manifestazione, contribuendo a renderla ancora più variegata e unica nel suo genere. Ospiti fondamentali sono: L’Ambasciata dei Paesi Bassi, la Cina, la Spagna, la Francia, gli USA e le diverse regioni dell’Italia stessa. A  ciascuno di questi contributori è donata una zona dei parchi dove sfoggiare le proprie perle, facendoci appassionare sempre di più a questo piccolo Eden. Tutto ciò è possibile grazie al grande impegno di lavoratori, florovivaisti, paesaggisti, progettatori e tanti altri, che da nulla si sono fatti arrestare, pur di mettere in scena un tale spettacolo.

Perscorsi sensoriali

Oltre a piante, alberi e meravigliosi fiori, le protagoniste dell’edizione di quest’anno sono state le fontane, l’acqua. Infatti, ben 18 di queste accompagnano i visitatori in un percorso sensoriale completo, introducendo l’elemento acquatico di per sé assente nei parchi di Nervi. Pertanto, mentre si cammina, si può: con la vista, ammirare sculture floreali, composizioni e  piccoli mondi in cui immergersi completamente; con l’olfatto, essere stuzzicati da mille profumi e aromi curiosi; con l’udito, farsi guidare dal fruscio delle fontane e dalla musica. L’immersione nell’atmosfera è garantita. Migliaia di turisti ora animano Genova verso e dentro la manifestazione, dando la vita e vivacità che questo quadretto a picco sul mare merita.

Continua a leggere

TERRITORIO

CONFABULATIO/Quando un blog crea il confronto

Pubblicato

il

Benvenuti amici di Confabulatio, oggi siamo qui per raccontarvi di un’iniziativa interessante, nata proprio dai ragazzi della nostra scuola. 

Da anni ormai è stato introdotto nelle scuole un programma di educazione civica, che sembra, però, non avere molto successo; spesso si affrontano argomenti di cittadinanza in modo poco coinvolgente e interattivo. Ma non per tutti è così. Infatti gli studenti della 4A linguistico, in collaborazione con l’insegnante di religione, con il quale hanno letto il romanzo di Fabio Geda “L’esatta sequenza dei gesti”, hanno dato vita a un blog, completamente autogestito. Su questa pagina gli studenti si sentono liberi di scrivere ciò che pensano e di offrire spunti di riflessione riguardanti il libro, che hanno letto insieme. 

Così siamo andate a intervistarli e a farci raccontare qualcosa in più.

 

Come è nata l’idea di creare un blog?

L’idea di creare questo blog è nata dal Professor Cagnazzo, che voleva cercare un modo alternativo per poterci confrontare sulle riflessioni che il libro ha suscitato in noi.

In cosa consiste il vostro blog?

Il blog è un insieme di articoli dove si possono trovare stimoli, ovvero piccole considerazioni o citazioni del libro, che possono suscitare riflessioni. Inoltre troviamo dei post in cui ognuno degli studenti ha esposto la propria opinione su una parte del libro precisa o in generale.

Cosa vi aspettate in futuro da questo blog?

Purtroppo non abbiamo molte aspettative per il futuro del blog crediamo, infatti, che, una volta concluso il progetto, il blog terminerà di conseguenza, ma speriamo che l’autore del libro apprezzi il nostro lavoro. 

Cosa avete imparato da questa esperienza?

Da questa esperienza abbiamo imparato come collaborare insieme, come creare e gestire un blog e soprattutto in cosa consiste il lavoro di “blogger”.

 

Sicuramente una bellissima esperienza per i ragazzi di 4A Linguistico, infatti riteniamo che sia importante fare tesoro di questo “esperimento”, seppur breve, che rappresenta un modo arricchente e più interattivo di fare scuola.

 

Link del blog:

Home

 

Continua a leggere

SCUOLA e TERRITORIO

ERASMUS+/Tanto entusiasmo per l’inizio del progetto

Pubblicato

il

Finalmente il tempo dell’attesa è terminato. Oggi, venerdì 18 marzo, i corrispondenti europei, con cui il nostro Istituto ha collaborato a distanza in questi anni di pandemia, ci hanno raggiunto a Rapallo, per iniziare insieme una magnifica esperienza di formazione e divertimento.

In cosa consiste il progetto Erasmus+?

Il progetto Erasmus+, a cui ha aderito anche il Liceo Da Vigo-Nicoloso, è un’esperienza formativa per giovani, finanziata dall’Unione Europea. Il progetto consiste in una collaborazione attiva tra i diversi Paesi che aderiscono all’iniziativa, con lo scopo di portare a termine insieme un programma di lavoro, progettato e preparato dagli stessi partecipanti durante gli incontri.

In questo caso, il fine ultimo del progetto, è l’apertura nelle scuole, con cui stiamo collaborando, di uno spazio online, una pagina esattamente come la nostra, dove gli studenti possano riportare e commentare notizie di attualità e non solo.

Come si è svolto e si svolgerà il progetto?

Nella giornata di ieri (giovedì 17) le famiglie ospitanti hanno incontrato tutti i ragazzi stranieri, provenienti da Grecia, Polonia, Romania e Spagna. In seguito alle attività di benvenuto, ricche di entusiasmo e partecipazione, la prima mattinata si è conclusa con il primo progetto, riguardante le caratteristiche di un blog e alcuni esercizi di scrittura creativa.

La giornata è proseguita con il percorso a piedi tra Rapallo e Santa Margherita Ligure, tra chiacchiere e risate. Dopo la gita in battello fino a Portofino e la seconda parte dell’attività, la serata si è conclusa con una pizza in compagnia.

I giorni seguenti, tra attività formative e percorsi a piedi alla scoperta dei magnifici territori della riviera ligure, si prevedono all’insegna della socializzazione e del divertimento.

Continua a leggere

Trending