Connect with us

DALL'ITALIA

Politica/Le Monde ipocrita: è democrazia, non populismo

Pubblicato

il

Di Alberto Zali
– “Italia: una sfida mortifera contro l’Europa”: con queste parole Le Monde descrive il governo M5S – Lega che è in procinto di formarsi. Un nemico in comune: la commissione europea; spese folli e tagli alle tasse insostenibili. Dall’estero tremano e urlano al populismo.

Populismo, perché i due movimenti si sono mossi attraverso “una retorica complottista, anti-elite e anti-scientifica”. Un quadro abbastana inquietante, non trovate? Eppure Lega e Pentastellati li abbiamo votati noi. Per la prima volta dal governo Monti, siamo noi a scegliere i nostri rappresentanti. Forse è questo che spaventa l’Europa. Forse quello che grandi intellettuali chiamano populismo altro non è che democrazia. Nel frattempo, lo spread aumenta e, si sa, quando aumenta lo spread il paese va verso la crisi. Ma a cosa fa riferimento questo indicatore? Al tasso di interesse sul rilascio dei titoli di stato, ad una percezione di insicurezza che si avverte tra la popolazione: non al PIL, non al reddito procapite. Insomma, non ad un qualsivoglia indicatore determinante il benessere dello stato e dei suoi cittadini. Che non sia anche questa una limitazione alle nostre libertà di mercato?

Quello che molti economisti sembrano ignorare è che tasse troppo elevate non sono fiseologiche all’economia di uno stato. Tasse troppo elevate scoraggiano gli investimenti: imprese straniere difficilmente scelgono di avere filiali in un territorio dove oltre il 40% del ricavo è tassato; imprese italiane sempre più spesso decidono di portare all’estero le proprie sedi; i ragazzi sono scoraggiati dal mettersi in proprio. Il risultato di tutto ciò è tanto intuitivo quanto spaventoso: non c’è lavoro. Ed è umiliante che alcuni ritengono siano necessari economisti per comprenderlo. È umiliante che i suddetti economisti siano convinti che, se noi Italiani votiamo chi ci promette una soluzione, è perchè siamo stati raggirati da un’abile retorica populista. Non c’è lavoro: tassiamo le proprietà. Ma quella a cui siamo di fronte non è una redistribuzione della ricchezza: i soldi che versiamo in tasse vengono consumati per mantenere l’apparato statale. Peccato che presto o tardi siano destinati a terminare: stiamo bersagliando un denaro che ristagna. Non c’è via d’uscita se non quella di incentivare nuovi investimenti.

“Ciò che è in gioco è l’eredità dell’Europa dei Lumi” dice Le Monde. Peccato che l’illuminismo predicasse l’autonomia della ragione, la libertà, la felicità: io non vedo nessuno di questi principi applicati all’Europa di oggi. Eppure, qua non si tratta di antieuropesimo: qualunque persona con un minimo di buon senso sa che l’Italia non è in grado di affrontare i costi che comporterebbe una exit. Qualunque persona con un minimo di buon senso sa che l’Italia fuori dall’Europa sarebbe un due di picche all’interno del panorama mondiale. Qui si tratta di ascoltare i bisogni e la voce del popolo. Giambattista Vico – precursore dell’Illuminismo – diceva di non sottovalutare mai la saggezza popolare. Una saggezza meno astratta. Una saggezza che tocca con mano i problemi economici di cui tecnici e intellettuali possono soltanto speculare. Siamo sicuri che il populismo sia un problema?

ATTUALITA'

VITTORIO FELTRI/Marketing o onestà?

Pubblicato

il

Nessuno mai si aspetterebbe di sentire una persona che abbia un minimo di senso logico e istruzione, pronunciare parole contro il ricordo delle vittime della Seconda Guerra Mondiale. Sembra universale il pensiero che la memoria degli errori passati sia anche la chiave per evitare che questi si ripetano, ma a quanto pare non tutti la pensano allo stesso modo.

(altro…)

Continua a leggere

ATTUALITA'

SICILIA/Quando l’Etna torna a far paura

Pubblicato

il

Di

di Francesco Garbarino

– Nella notte tra il 25 e il 26 dicembre si è verificato un terremoto di magnitudo 4.8 nelle zone intorno a Catania. Tanta paura e tanti sfollati ma nessuna vittima.

Che cosa è successo?

Nella notte tra Natale e Santo Stefano, in Sicilia, si è verificato un terremoto di magnitudo 4.8 con epicentro tra Viagrande e Trecastagni in provincia di Catania. Tanti i comuni colpiti in particolare quelli di Zafferana Etnea (con la frazione di Fleri), Acireale (con la frazione di Pennisi), Aci Sant’Antonio, Aci Catena, Aci Bonaccorsi e Santa Venerina.

Che cosa ha causato?

Questo terremoto ha causato molti danni. Le case non agibili sono 422 i plessi scolastici inagibili sono 33 ma il numero che viene più all’occhio sono 1096 sono gli sfollati di cui 300 hanno fatto ricorso a sistemazioni autonome e 794 quelli ospitati in alberghi convenzionati con la Regione Sicilia.

Chi ha causato tutto ciò?

A scatenare tutto questo è stato l’Etna. Dall’alto dei suoi 500.000 anni, l’Etna è uno dei vulcani più attivi del mondo ed è tornato a farsi sentire, questa volta più che mai. Secondo Eugenio Privitera, direttore dell’Osservatorio di Catania dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), dal 24 dicembre mattina a oggi si sono succedute circa 1.000 scosse, molte piccole e rilevabili solo dagli strumenti, quattro uguali o superiori a magnitudo 4. Questo evento ci fa capire che non bisogna mai scherzare con la natura e inoltre quando la terra si arrabbia per tutto il male che le facciamo questo è quello che succede e inoltre la terra ci punisce quando meno ce lo aspettiamo.

Continua a leggere

DAL MONDO

#cosechenonsapete/ il mito degli integratori

Pubblicato

il

Di

di Federico Lobiano e Valentina Testa

– Sulla base dell’hashtag di questa settimana, #cosechenonsidicono, questa sera vi parleremo degli integratori e del loro utilizzo! (altro…)

Continua a leggere

Trending