Connect with us

L'EDITORIALE

Australia, quando la guerra mondiale è con la natura

Avatar

Pubblicato

il

 

È probabilmente nota a tutti la terribile situazione in cui si trova l’Australia da diverso tempo ormai.

Infatti dall’inizio di settembre 2019, gran parte del territorio australiano è coperto da roghi, a causa dei quali sono stati registrati 26 morti e centinaia di dispersi, 100 mila sono invece gli sfollati, ed il numero di proprietà distrutte ammonta a 1.300.

 

Ma di questo grande disastro non sono soltanto gli umani a risentirne, moltissime specie animali sono a rischio di estinzione e la quota registrata di animali morti tra le fiamme fin’ora supera i 500.000.000.

 

Il 30% della popolazione dei koala si è già estinta e nonostante i continui tentativi dei Vigili del Fuoco australiani di salvarne il più possibile, è ormai remota la possibilità di produrre una nuova generazione in grado di garantire la vitalità della specie. Insieme al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco sono molti anche i volontari, i veterinari e gli scienziati che si stanno impegnando in questa causa, ed altrettante sono le associazioni che gestiscono raccolte fondi per lo stesso motivo.

 

Oltre ai koala, sono esposti a pericoli anche moltissimi uccelli, che nonostante possano volare e spostarsi non sempre riescono nell’intento di salvarsi dal calore e dai fumi dei roghi.
I cacatua, per esempio, sono una specie particolarmente colpiti dalla disgrazia.
A terra si ripercuote il problema anche sui wombati ed i canguri, a cui ormai rimane ben poco del loro habitat.

 

L’invito da parte nostra, ragazzi di 16 anni che si trovano dall’altra parte del mondo è di spargere la voce, utilizzare i social per comunicare, per far crescere l’informazione e la consapevolezza per le cose importanti come questa.
Siamo consapevoli che non tutti siano in grado di  donare somme di denaro alle associazioni, ma anche lo spargimento della voce è sufficiente.
Agire insieme è importante.

Continua a leggere

L'EDITORIALE

Self confidence: un cambiamento “step by step” che parte da noi stessi

Matilde Passerini

Pubblicato

il

Avete presente quando il vostro insegnante porge una domanda collettiva alla classe, voi pensate di sapere la risposta ma non rispondete per paura di sbagliare?

Estroversi al rapporto, ho bisogno di voi. Volete spiegarmi una volta per tutte come si fa? È una ricetta che avete trovato su un qualche sito di cucina? O magari un tutorial con tanto di sottotitoli? Almeno posso segnarmi qualche appunto su un pezzo di carta che in pochi minuti verrà dimenticato sulla scrivania, per poi finire brutalmente accartocciato nel sacco dell’immondizia.

(altro…)

Continua a leggere

L'EDITORIALE

I film Disney da bollino rosso

Avatar

Pubblicato

il

Dopo il grandissimo successo ottenuto da Aladin e il Re Leone, la Disney nel Marzo del 2020 avrebbe dovuto iniziare le riprese del live action de “La Sirenetta”.

Al momento non è stata annunciata né la data di uscita né il trailer e si presume che solo nel 2022 si potrà assistere allo spettacolo sui nostri teleschermi. (altro…)

Continua a leggere

L'EDITORIALE

Comfort zone, il nostro rifugio o una prigione?

Tea Sperandio

Pubblicato

il

Con il termine comfort zone (zona di comfort) ci si riferisce ad una condizione mentale in cui una persona agisce in uno stato tranquillo, senza ansie, non scostandosi troppo da una sua “routine”. Nessun rischio e nessuna minaccia: niente si allontana troppo dalle azioni quotidiane di ognuno di noi.

(altro…)

Continua a leggere

Trending