Connect with us

L'EDITORIALE

Fedez e il suo monologo: ecco come viene fatta luce sul DDL Zan

Pubblicato

il

In questa Italia distratta da mille problemi, dove i giovani sono ormai rassegnati a subire le scelte di una classe politica ben più attempata di loro, il monologo di Fedez al concerto del 1° maggio è risuonato a lungo, nelle coscienze e sui media.

Come spesso accade, quello che ha fatto scandalo è la banale enunciazione di un fatto. A smascherare la scomoda verità non è stato un politico, un filosofo o un intellettuale, ma un semplice rapper, per quanto famoso e da sempre attento al sociale: Fedez, all’anagrafe Federico Leonardo Lucia, classe 1989.

Sul palco del concerto Fedez ha letto le dichiarazioni esplicitamente omofobe di alcuni rappresentanti della Lega, parola per parola, citando gli autori delle frasi con nomi e cognomi. Fatte risuonare con voce adirata, tali frasi sono apparse chiaramente in tutta la loro violenza: “Se avessi un figlio gay, lo brucerei nel forno”; “i gay sono una sciagura per la riproduzione e la conservazione della specie”; “Gay vittime di aberrazioni della natura”.

In un paese in cui, ancora nel 2021, atti di bullismo e discriminazioni ai danni di persone omosessuali sono all’ordine del giorno, a causa dei quali molti adolescenti devono lottare per affermare apertamente la loro identità sessuale, queste parole pesano come macigni. Immaginiamo quale forza dirompente possano avere e quali danni possano provocare sulla mente di un ragazzo o una ragazza che faticano a esprimere la loro omosessualità e che si scontrano ancora oggi con tanti pregiudizi a scuola e spesso purtroppo anche in famiglia.

La rabbia di Fedez, genuina e incontrollabile, è apparsa quindi a molti come liberatoria ed ha espresso il sentire della maggioranza dei giovani, stanchi di accettare passivamente conformismo e chiusure provinciali, quando da anni in Europa e nel mondo la comunità gay si esprime liberamente ed è tutelata da leggi adeguate.

Ho trovato particolarmente interessante il fatto che una denuncia così forte arrivi non solo da un semplice ragazzo, per quanto sveglio e impegnato, ma anche da un giovane rappresentante di quel tipo di famiglia che proprio chi condanna gli omosessuali identifica come ideale: madre, padre, due bellissimi bambini. Fedez  ha dimostrato che possiamo essere tutti diversi nel rispetto reciproco e senza avere paura gli uni degli altri e che chi discrimina le persone e le famiglie gay rivela solo la propria profonda insicurezza e arretratezza culturale.

La polemica è poi proseguita con asprezza nei giorni successivi sui giornali, quando è emerso chiaramente che i vertici RAI avevano tentato in ogni modo di impedire l’intervento di Fedez: quindi le sue parole sono ancora più importanti, perché colpiscono un sistema fatto di silenzio e connivenza, in cui si viene multati perché si prende il treno senza biglietto ma si può insultare un libero cittadino o un gruppo sociale pubblicamente senza nessuna conseguenza.

Sullo sfondo di tutto ciò la mancata approvazione al Senato del DDL ZAN, approvato alla Camera nello scorso novembre ma ormai in stand by da mesi a causa delle resistenze di alcuni gruppi politici.

Fedez ha compiuto un gesto coraggioso e importante, che si somma a molti altri piccoli gesti che lentamente ma inesorabilmente ci stanno cambiando nel profondo.

 

 

L'EDITORIALE

ISTRUZIONE/A scuola si muore

Pubblicato

il

1) Ti sparano

L’istruzione è un diritto. In una società moderna come la nostra non ci dovrebbe essere ombra di dubbio. Forse un diritto potrebbe essere anche quello di sentirsi al sicuro nelle scuole, quanto basta da non essere freddati in corridoio.

In un istituto del Tennessee, USA, ieri hanno ammazzato tre adulti e tre bambini. Colpevoli due fucili d’assalto e una pistola, di certo non il materiale per un colloquio con la maestra.

È una storia già sentita, i nomi degli assassini si ricordano poco, quelli delle vittime anche meno. Ogni volta che sparano a scuola questioniamo (legittimamente) chi ha premuto il grilletto, ma poco importa ai più il fatto che parte delle armi sono state acquistate legalmente. Qualcuno ha permesso una facile distribuzione delle armi da fuoco.

Non per minimizzare le vite di coloro che a scuola lavoravano, ma sono morti dei bambini di nove anni, che a scuola andavano obbligati. Da qualche parte ci sono dei genitori che hanno mandato a morte i propri figli, aiutandoli a fare lo zainetto la mattina.

2) Ti uccidi

Non dobbiamo cercare negli Stati Uniti gli studenti che si sono tolti la vita a scuola, ce ne sono molti anche in Italia. In questo caso risulta più difficile puntare il dito contro il reo, dato che l’azione più estrema di tutte è il frutto di molti fattori, che conosce solo chi decide di compierla.

Però ci si può chiedere: perchè a scuola?

Magari la goccia che fa traboccare il vaso è un attacco d’ansia, magari l’obiettivo è mandare un messaggio. Nella seconda ipotesi, la più probabile a mio avviso, si intravede il ruolo significativo ricoperto dal luogo, dove si insegna, si impara, si cresce. Si lascia il segno, anche. Magari il silenzioso e inascoltato grido d’aiuto della 19enne che due mesi fa si è suicidata allo IULM di Milano, nei bagni, sarà ricordato.

Continua a leggere

L'EDITORIALE

IRAN/Quando il problema è di chi comanda

Pubblicato

il

Che cosa è un cittadino? Usando la definizione di Treccani: “Chi appartiene a uno stato (cioè a una comunità politica, a una nazione), e per tale sua condizione è soggetto a particolari doveri e gode di determinati diritti”. E lo stato non è forse la quintessenza della volontà dei cittadini che lo compongono?

La repressione

Al termine di un 2022 di continue proteste, ci chiediamo se le donne, sempre più soffocate in Iran, si possano definire cittadine di uno stato che non viene loro incontro, e che certamente non le rappresenta.

Perché è indubbiamente semplice chiudere un occhio sull’insignificante questione dei diritti umani, ma irrazionale non aspettarsi che il popolo da te rappresentato non vada d’amore e d’accordo con questa decisione.

Le risposte violente delle autorità, condite da sparatorie sulla folla, interrogatori duri (leggi: tortura) e molti altri trattamenti di favore, fanno presumere che il presidente, Ebrahim Raisi, non abbia davvero tutto sotto controllo, come invece ha fatto intendere nelle sue ultime dichiarazioni.

Il ruolo dello sport

Come già abbiamo potuto osservare in molti scenari di questo stampo, lo sport si fa spesso carico delle voci più coraggiose, che mettono in gioco il percorso di una vita, le fatiche degli allenamenti e la possibilità di partecipare a competizioni importanti, nella speranza di un futuro migliore.

Tutte le donne che dall’Iran fanno sentire la protesta attraverso lo sport vanno riconosciute, ma sentiamo particolarmente vicine la 22enne Mahsa Amini, fermata a Teheran e arrestata perché non indossava correttamente l’hijab, morta tre giorni dopo, e Elnaz Rekabi, la scalatrice vittima di numerose minacce, la cui casa è stata persino demolita (la CNN su Twitter).

“Ci moltiplichiamo”

Queste le parole di speranza che hanno iniziato a circolare su Twitter, da quando Sara Khadim ha partecipato, senza l’hijab, al campionato del mondo di scacchi in Kazakistan. La giovane donna, di soli 25 anni, ha dimostrato una strenua resistenza nei confronti delle minacce ricevute, e il suo contributo alla causa è senz’altro molto discusso.

A farsi sentire, però, non è solo qualche sportivo o alcuni personaggi di rilievo, ma da circa tre mesi continuano le proteste da parte di un popolo piegato dalla tirannia: queste di recente hanno assunto anche i primi colori della violenza (molotov lanciate in edifici religiosi), preannunciando un non così lontano botta e risposta tra polizia e manifestanti.

Fino a che punto si considerano accettabili le azioni di un popolo delegittimato? Ribaltare il potere può davvero portare al miglioramento della condizione delle donne in Iran?

 

 

 

 

Continua a leggere

L'EDITORIALE

Il futuro di un ritorno al passato

Pubblicato

il

La questione ha origine in Russia, paese di cui attualmente si parla parecchio, in questo caso per un motivo differente ma in un qualche modo pertinente: la Duma, la camera bassa del parlamento, ha approvato una legge contro la “propaganda gay”.

Quest’ultima impedirebbe di discutere della cultura lgbt+ e gender non più soltanto ai minorenni, com’era stato dal 2013 a oggi, ma anche agli adulti: infatti anche solo parlarne incentiverebbe a impostazioni sessuali esenti dalla tradizione.

Sarebbe dunque il caso di limitarsi a un’informazione che sostenga invece il concetto di famiglia tradizionale (definizione che include una critica nei confronti di coloro non vogliono avere figli) proprio durante il coinvolgimento in una guerra ibrida e allontanarsi ulteriormente dall’occidente e dal progressismo?

Infatti per il paese calato in una situazione del genere, diventa insufficiente proteggere soltanto i figli, bisogna estendere il provvedimento a tutta la società, nonostante si sottintenda che i suoi legittimi componenti debbano rispettare il prototipo cishet, in nome dell’eteronormatività.

Ognuna delle motivazioni sopra elencate sarebbe valida se non si parlasse di diritti umani e civili, della limitazione della libertà di una parte della comunità in un modo e di questa nella sua totalità in un altro.

Così le violenze a danno di persone lgbt+ sono diffusissime all’interno del paese, molte preferiscono non denunciare per paura di ritorsioni.

Sorge quindi spontaneo chiedersi quali potrebbero essere le prossime evoluzioni di questa situazione: le norme previste subiranno ulteriori restrizioni? o si preferirà lasciar andare la presa, così da contribuire alla diffusione del benessere?

Continua a leggere

Trending