Connect with us

ATTUALITA'

Fin dove ci porterà Donald Trump?

Pubblicato

il

di Valentino Ferrari

– Che sta combinando il tycoon in America?

Non sono neanche passati quindici giorni dall’inizio della nuova presidenza, che Donald Trump già sta mantenendo ciò che aveva promesso nella campagna elettorale.

Il muro con il Messico: in che cosa consiste? Sarebbe possibile farlo?

Il primo progetto di Trump risulta essere la costruzione di un muro al confine tra USA e Messico per fare in modo che nessun messicano possa entrare in America. Qual è il vero motivo? Trump non odia messicani: lui odia i poveri e i messicani, in gran parte, lo sono. I problemi che porta questa riforma sono molteplici, tra essi spicca il costo elevato: 7,4mln di dollari al miglio (poco più di 1km). È da notare il fatto che in realtà un muro tra le due nazioni esiste già: il Wall of Shame (muro della vergogna), fatto costruire nel 1994 tra San Diego e Tijuana, per evitare che i narcotrafficanti messicani entrino in America.

 

Via tutti i rifugiati!

Effettivamente questo argomento non era stato trattato in modo chiaro durante campagna elettorale, però, tenendo conto delle sue dichiarazioni, lo si poteva intuire. Trump sta allontanando dall’ America tutti i rifugiati che richiedono asilo. Quindi coloro che fuggono per andare a vivere negli USA devono adesso optare per altri paesi come il Canada. Tutto questo va contro i principi degli Stati Uniti, visto da molti come un luogo di salvezza dove vengono accolti tutti. Questi progetti, che prevedono muri ed espulsioni, non si possono dunque considerare caratteristici.

 

Stop agli ingressi da sette paesi

Ecco però la riforma peggiore: Trump sta vietando a chiunque risieda in Iran, Iraq, Siria, Yemen, Sudan, Somalia e Libia di raggiungere l’America. Ciò sta causando una terribile crisi diplomatica con questi paesi, che potrebbe sfociare addirittura in aperti conflitti. Questo fatto rappresenta inoltre un problema per grandi aziende come Google, che ha dipendenti che al momento si trovano in quei paesi – soprattutto in Iran, l’unico di essi non in guerra – e stanno provvedendo perciò a richiamarli in America. Certamente a seguito di questa decisione molti penseranno che Trump non tolleri i musulmani, ma se così fosse, sarebbero stati chiusi anche gli ingressi con Arabia Saudita, Qatar, Emirati. Questa è dunque la conferma che ciò che il neo presidente non accetta è proprio la povertà.

 

Reazioni internazionali

Sono state diverse le reazioni internazionali a seguito di queste folli decisioni: in primis l’ONU che le ha commentate come “gesti inumani e meschini”. In seguito, c’è stata la reazione del Messico, che ha boicottato tutti i prodotti americani. L’Iran, invece, ha chiuso le frontiere a tutti gli americani, come rappresaglia. E anche in tutte le piazze statunitensi sono partite delle pesanti proteste.

 

Trump va contro la democrazia?

È necessario, in primo luogo, riconoscere quali sono i “sintomi” di una ipotetica dittatura:

• la presa di decisioni in modo autoritario,

• l’acquisizione di più poteri possibili,

• la liberazione degli oppositori.

Si può riconoscere Trump in alcuni di questi aspetti poiché ha preso decisioni in modo autoritario senza eventuali consulenze con il parlamento. In una democrazia, prima di attuare progetti simili, risulta necessario ascoltare il parlamento, se non direttamente il “demos”, cioè il popolo. Inoltre, al momento, non sta acquisendo tanti poteri (gli basta quello di essere presidente degli Stati Uniti d’America, una carica importante), ma si sta liberando degli oppositori: infatti, proprio pochi giorni fa, ha licenziato il ministro della giustizia poiché contrario ai suoi programmi. Questo porta, a chiunque, dei sospetti. Dunque, non si può che augurare il meglio sperando che Trump si ammorbidisca un po’ nel discorso dell’immigrazione e con il Messico e che non peggiori la situazione.

 

Sharing oggi, però, vi propone anche altro:

Se volete scoprire curiosità inedite sullo stage in inghilterra, se siete amanti del gossip e non volete perdervi niente sulla Brangelina, oppure siete appassionati di thriller e attendevate l’uscita di “Split” , visitate il nostro sito Sharing.school!!!

 

Continua a leggere

ATTUALITA'

MAFIA/Il boss arrestato chiede pietà

Pubblicato

il

Chi era Matteo Messina Denaro?

Matteo Messina Denaro è stato uno dei più famosi boss della mafia siciliana, noto anche come “Diabolik”. Nato a Castelvetrano, in Sicilia, nel 1962, iniziò la sua carriera criminale all’età di 20 anni, diventando rapidamente un membro di spicco della famiglia mafiosa di Castelvetrano. Messina Denaro è stato un membro attivo della mafia siciliana sin dalla sua giovinezza, e ha rapidamente scalato i ranghi dell’organizzazione per diventare uno dei principali leader della famiglia mafiosa dei Corleonesi. E nel 1986 ha preso il controllo della famiglia dopo la cattura e l’arresto del boss Salvatore Riina, e ha continuato a condurre le attività criminali dell’organizzazione.

Denaro è stato uno dei principali obiettivi della lotta contro la mafia in Italia, e le autorità hanno fatto numerosi tentativi per catturarlo. Nonostante questi sforzi, è riuscito a evitare l’arresto per decenni, diventando uno dei criminali più ricercati del paese.

Messina Denaro è accusato di numerosi omicidi, tra cui quelli dei magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Inoltre è accusato di estorsione, usura, traffico di droga e di essere il responsabile delle attività illegali della famiglia mafiosa di Castelvetrano.

Il rapimento di Giuseppe Di Matteo

Un tragico evento avvenuto ventisette anni fà quando un commando di mafiosi per ordine di Matteo Messina Denaro rapì Giuseppe Di Matteo, un bambino di soli 12 anni che perse la sua vita dopo 779 giorni di prigionia, quando uno tra i quaranta mafiosi che si trovavano dietro a questa terribile decisione, il boss Giovanni Brusca lo strangolò e poi lo sciolse nell’acido perché era figlio del mafioso Santino Di Matteo, che ha deciso di collaborare con la giustizia . Oggi la famiglia continua a ricordare Giuseppe e i terribili giorni di vent’anni fà : “In 25 anni – racconta il fratello Nicola – non sono riuscito ad andare sul luogo del suo martirio. L’ho fatto solamente qualche giorno prima di Natale. E vedere il casolare di campagna e’ stato come tornare indietro all’orrore di quei giorni…Mio fratello è vivo nella memoria di tutti, ma avrei preferito morire io al suo posto»

Fuggito nel 1993, fu dichiarato latitante e si nascose per molti anni, diventando una delle figure più ricercate dalle forze dell’ordine. Nonostante le numerose operazioni di polizia e l’arresto di molti dei suoi collaboratori, Messina Denaro ha evitato la cattura fino ad oggi, 16 gennaio 2023. Si ritiene che dalla prigione sia ancora attivo e che controlli ancora gran parte delle attività criminali della mafia siciliana.

L’arresto e l’inchiesta di Denaro

L’arresto è avvenuto il 16 gennaio a Castelvetrano, dove il boss si trovava presso la clinica Maddalena di Palermo per svolgere, sotto falso nome, una seduta di chemioterapia.
La casa di cura era stata circondata precedentemente da decine di uomini del Ros, che hanno allontanato i pazienti sul posto. Al momento dell’arresto il capomafia ha tentato di allontanarsi, senza opporre resistenza. Davanti al carabiniere che stava per arrestarlo ha subito dichiarato “Sono Matteo Messina Denaro”.
L’inchiesta che ha portato all’arresto del boss era stata cordinata dal procuratore di Palermo, Maurizio de Lucia, e dal procuratore Paolo Guido.
Matteo Messina Denaro verrà trasferito in un carcere di massima sicurezza, dove egli potrà continuare a curarsi.
La presidente del consiglio, Giorgia Meloni, ha successivamente dichiarato “È una giornata  storica, un giorno di festa per le persone per bene, per le famiglie delle vittime della mafia, perché il sacrificio di tanti eroi non era vano.” L’arresto ha sollevato anche qualche dubbio.

Alcuni infatti si chiedono se la cattura non fosse in realtà una messinscena: si è parlato infatti di un possibile accordo dove il boss sarebbe stato arrestato in cambio di protezione viste le sue condizioni di salute.

Matteo Messina Denaro è davvero cambiato? Ci sarà mai una collaborazione con le autorità?

Continua a leggere

DALL'EUROPA

MODA/Un italiano al timone di Luis Vuitton

Pubblicato

il

 

Pietro Beccari è il nuovo amministratore delegato e presidente di Louis Vuitton. Un italiano, dunque, guiderà la marca francese di lusso più nota al mondo fondata da Bernard Arnault. Beccari succederà a Michael Burke. Mentre alla guida di Dior andrà Delphine Arnault, figlia primogenita dell’imprenditore attualmente “uomo più ricco del mondo” secondo Forbes. Un cambio ai vertici che era nell’aria e attendeva solo la conferma ufficiale. Questo è forse il primo dei molti i cambiamenti che attendono il mondo della moda per questo 2023, nel management come nelle direzioni creative.

Pietro Beccari, parmense classe 1967, ha iniziato il suo percorso professionale nel settore marketing di Benckiser (Italia) e Parmalat (Usa), per poi passare alla direzione generale di Henkel in Germania, dove ha ricoperto il ruolo di vicepresidente della divisione Haircare.

Nel 2006 è entrato in LVMH in qualità di vicepresidente esecutivo marketing e comunicazione per Louis Vuitton, prima di diventare Presidente e ceo di Fendi nel 2012. Da febbraio 2018 è presidente e ceo di Christian Dior Couture, oltre che membro del comitato esecutivo di LVMH.

“Pietro Beccari”, ha commentato Bernard Arnault, fondatore e CEO di LVMH: “ha svolto un lavoro eccezionale in Christian Dior negli ultimi cinque anni. La sua leadership ha accelerato il fascino e il successo di questa iconica Maison. I valori di eleganza di Monsieur Dior e il suo spirito innovativo hanno ricevuto una nuova intensità, supportata da designer di grande talento. La reinvenzione della storica boutique al 30 di Montaigne è emblematica di questo slancio. Sono certo che Pietro condurrà Louis Vuitton a un nuovo livello di successo e di desiderabilità”.

Continua a leggere

ATTUALITA'

SCONTRO TRA TIFOSI SULLA A1/ quando la partita si “gioca” anche fuori dal campo

Pubblicato

il

Domenica otto gennaio, sulla A1, i tifosi del Napoli battezzano l’anno nuovo con le spranghe.

È l’area di servizio Badia al Pino, nei pressi di Arezzo, l’autogrill che ha dato luogo allo scontro tra gli ultrà del Napoli e quelli della Roma.

Secondo quanto riportato dalle fonti della polizia, sarebbero 80 tifosi partenopei che, con certezza, erano presenti in quel luogo al momento delle scontro con gli abitanti della capitale, e che stanno cercando di identificare.

Invece, quattro sarebbero i tifosi napoletani, di età compresa tra i 21 e i 27 anni, ad essere stati inseguiti e successivamente fermati dagli agenti di polizia, intenti a forzare un posto di blocco a Genova Nervi. Nel loro bagagliaio erano presenti delle mazze.

 

La ricostruzione dei fatti:

Secondo i dati riportati, i tifosi napoletani diretti a Genova, che si sono fermati nell’area di servizio che ha ospitato lo scontro, sarebbero stati circa 350. A intervenire subito sul luogo è stato il personale delle forze di polizia di Arezzo, che ha impedito che la situazione, già critica di per sé, si aggravasse in modo precipitoso. Il corpo di polizia avrebbe, infatti, fermato in tempo il transito di tifosi romanisti i quali, si era appreso, che fossero diretti nello stesso itinerario, per raggiungere lo stadio San Siro di Milano(per lo scontro con il Milan).

Ad aggiungersi a quelli provenienti da Arezzo, sarebbero stati altri agenti, diretti da Arno.

I tifosi della Roma in transito raccontano del loro viaggio verso Milano: una volta nei pressi di Genova, entrati a conoscenza della presenza dei partenopei nelle vicinanze, la marcia sarebbe rallentata, fino a fermarsi all’area di sosta. Proprio in questo luogo, una parte dei tifosi campani, posizionatosi lungo la recinzione, ha iniziato a scagliare oggetti contro le autovetture degli avversari.

Immediatamente, entrambi gli esponenti delle tifoserie si sono trasferiti verso l’uscita dell’area di sosta, dove i lanci di oggetti, quali bottiglie, coltelli, spranghe, fumogeni e non solo, sono continuati per brevi attimi; proprio in questo momento, un tifoso romanista sarebbe rimasto ferito da un’arma da taglio risultando in codice giallo.

In seguito all’accaduto, i tifosi romanisti sarebbero poi ripartiti dopo poco tempo, mentre i napoletani scortati dalle forze di polizia fino alla Stadio Luigi Ferraris di Genova, dove si é tenuto il match Sampdoria-Napoli.

In direzione nord, l’autostrada é rimasta chiusa per circa cinquanta minuti.

Quanto accaduto non risulta essere un fatto eccezionale. Gli scontri tra squadre avversarie, scaturiti dal desiderio di vendetta, o da semplice smania di violenza, avvengono, purtroppo, in modo molto frequente; esattamente come furti e atti vandalici nelle aree di servizio.

E allora diventa inevitabile domandarsi: è lecito che il tifo si trasformi in delinquenza?

Continua a leggere

Trending