Connect with us

ATTUALITA'

Hacker, invasioni invisibili.

Pubblicato

il

– Pochi giorni fa l’operazione Avalanche ha posto fine a uno dei network cybercriminali più pericolosi al mondo. Tutto ciò ha comportato la disattivazione di 221 server e più di 830.000 domini web.

Operazione “Avalanche”: come si è sviluppata

Avalanche, la rete informatica criminale, è stata abbattuta da un’operazione che ha coinvolto i membri della Europol (ufficio europeo polizia) e Interpol (organizzazione internazionale della polizia criminale) e le polizie informatiche di 30 paesi. Le indagini sono durate più di 4 anni e hanno portato a scoprire l’esistenza di una rete in grado di distribuire virus e utilizzata per il riciclaggio di denaro sporco. Avalanche inoltre affittava la piattaforma a tutti coloro che erano intenzionati ad espandere un virus a livello mondiale, coinvolgendo più di 500.000 computer. L’operazione si è conclusa con l’arresto di cinque persone e la perquisizione di 37 edifici. “Solo una perfetta sintonia tra le polizie cibernetiche di così tanti Paesi poteva portare alla conclusione di un’operazione così complessa.” dichiara il direttore della polizia postale Roberto Di Legami.

Qual è il vero obbiettivo dei cracker?

Innanzitutto bisogna distinguere tra hacker i white hat e cracker (chiamati anche black hat). I primi lavorano principalmente in sistemi informatici che contengono informazioni molto importanti, ciò non implica, però, che accedano in computer di proprietà di altre persone o che svolgano procedure illegali. Esistono, al contrario, alcuni gruppi di hacker (white hat) che si introducono nei computer per interessi propri o, ad esempio, al fine di ricavare informazioni segrete su progetti di una determinata casa produttrice per poi venderli a un’altra che le fa da concorrenza. I cracker (black hat) invece sono persone che creano virus o per divertimento o, come nella maggior parte dei casi, per ragioni economiche: vendere i loro antivirus. Perciò è sbagliato definire hacker tutti coloro che creano virus poichè anche i membri della polizia postale, che hanno il compito di rendere il web più sicuro, fanno parte di questa grande famiglia.

“perché dovrebbero hackerare me?”

Questa domanda è un atteggiamento comune nelle persone finchè non vengono compromesse da un attacco informatico. Senza contare gli attivisti, gruppi di hacker come Anonymous, che hanno lo scopo di infangare le grandi società in cerca di fama. Alla maggior parte degli hacker interessa guadagnare soldi. Si occupano proprio di rubare informazioni alle persone comuni per ottenere bitcoin, ossia “banconote virtuali”, dalle carte di credito, o per rivenderle al miglior offerente o ancora per ricattare. Passano la vita a trovare sulla rete dati sensibili come codici bancari o informazioni personali da cui ricavare denaro. Quindi è per loro molto più facile attaccare una persona inesperta che lascia i propri dispositivi senza protezioni e facilmente accessibili.

Vari attacchi e come difendersi?

Esistono vari metodi per rubare informazioni ad una persona in rete, in questo articolo vedremo le tecniche di social-engineering, phishing e cracking di password. La soluzione più semplice per non permettere che ciò accada è: NON INSERIRE INFORMAZIONI personali online o inserirne in minima quantità. Quando si crea un account bisogna evitare di inserire i campi di informazioni non obbligatorie per la creazione dello stesso. Senza nessun bisogno di abilità informatiche avanzate un hacker può accedere a informazioni private tramite quello che le persone rendono pubblico. Gli hacker effettuano come operazione preliminare ad un attacco, azioni di social-engineering, ossia ricerche su CHI È la vittima designata. Oggigiorno con miliardi di persone collegate online basta semplicemente una ricerca su facebook per avere email, data di nascita e passioni di chiunque. Se l’hacker ha qualche conoscenza di programmazione può avvalersi anche del phishing. La tecnica permette per esempio di “clonare” un sito web mantenendo l’interfaccia, ma modificando il codice, in modo che l’utente non si accorga che inserendo una password questa venga carpita da qualcuno. Per difendersi dal phishing di dati bisogna essere scaltri e accorgersi che il sito a cui si accede non è quello da noi desiderato. Spesso l’hacker manda email false contenti la pagina web truffaldina, bisogna quindi aprire link contenuti solo in email di cui si è più che certi dell’autenticità. Se riuscite a evitare le pagine phisher, l’hacker ha comunque la possibilità di ottenere le vostre passphrase usando tecniche di cracking. Esistono software che in pochi minuti effettuano la verifica di migliaia di possibili password finchè non trovano quella corretta. Per proteggersi da questo problema bisogna di nuovo rendere difficile all’hacker ottenere informazioni riguardo alle proprie abitudini e informazioni. cobebryan97, juventus00, marco_rossi82 migliaia di utenti formano password simili a queste associando nome, soprannome, data di nascita, hobby, star preferite e informazioni personali facilmente rintracciabili. In media non ci vuole più di 5 minuti per crackare questo tipo di password, basta infatti aggiungere allo script creato molte informazioni riguardo la vittima, in modo che il programma le usi per ridurre le possibilità di combinazioni. Un altro consiglio consiste nel creare una password lunga almeno 15 caratteri e di utilizzare lettere sia maiuscole che minuscole, numeri e simboli. Senza entrare troppo nel tecnico né dover avere conoscenze avanzate di informatica, seguendo questi passi riuscirete a proteggervi da un attacco in maniera più efficace rispetto a prima. Non voglio però illudervi. La cyber-security è una materia difficilissima da gestire, richiede anni di studi, pratica e una certa intelligenza quasi innata. E’ molto più facile attaccare che difendere e praticamente NON ESISTE una password perfetta come non esiste una serratura inaccessibile. Ogni rompicapo ha sempre una soluzione e gli hacker vivono e godono nel risolvere rompicapi sempre più difficili.

 

un articolo che potrebbe piacerti: https://sharing.school/meningiteuna-malattia-tormenta/

Continua a leggere
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ATTUALITA'

LUIGI STRANGIS/Vincitore di Amici di Maria De Filippi

Pubblicato

il

Domenica 15 maggio si è svolta la finale del programma più seguito del sabato sera, inutile ricordare che la conduttrice De Filippi con questo programma, ogni anno fa moltissimi record di ascolti, solo in quest’ultima puntata ha raggiunto cinquemilioni di spettatori !
Come ogni finale la super Maria ci ha stupito con ospiti e collegamenti telefonici, da Ultimo, Sabrina Ferilli, Alessandra Amoroso e persino la campionessa italiana di scii alpino e di discesa libera, Sofia Goggia, quindi si può tranquillamente affermare che questa serata è stata colma di colpi di scena .

I sei finalisti al centro della serata

I protagonisti di questa puntata sono indubbiamente i sei finalisti, ognuno con un talento, ognuno con tanta voglia di lavorare e fare della propria passione un lavoro, tutti diversi ma con lo stesso sogno, alzare quella coppa.
I primi ad abbandonare questo sogno sono : Albe che con la sua leggerezza ci ha fatti divertire, Sissi che con la sua magnifica voce ci ha regalato emozioni uniche e poi Alex che si è sfidato per ultimo con il suo più grande avversario ma allo stesso tempo con la persona con cui ha legato di più…questo duello è stato pazzesco, entrambi hanno una personalità e un modo di emozionare da urlo e finalmente è stato bellissimo vederli supportarsi di nuovo a vicenda con tanti scambi di sorrisi e sguardi indimenticabili.
Per quanto riguarda la finalissima di ballo ad arrivare è stato Michele, ballerino talentuossisimo, inoltre invitato a ballare al final show di On Dance il 5 settembre a Milano da Roberto Bolle e Serena che abbattendo tutti i giudizi è riuscita ad arrivare in finale e ad ottenere un borsa di studio di un anno all’ Alvin Ailey School di New York .

Questa sera ad alzare quella coppa e a vincere 150mila euro è stato  Luigi Strangis ma come ha detto Maria, tutti hanno vinto, imparando e crescendo artisticamente e umanamente, demolendo ogni insicurezza !
Il vincitore ha dimostrato molta dedizione e un infinito amore verso la sua famiglia e queste seguenti parole, riguardanti il montepremi vinto, che ha rilasciato durante un’intervista lo ha confermato: “Li investirò per perfezionare il mio lavoro. Regalerò una vacanza ai miei che se lo meritano. Si meritano di staccare un po’. Hanno lavorato tanto per me e non farmi mancare nulla. Mi hanno sempre appoggiato. E poi, devo dirlo, non è stato facile stare al mio fianco”

L’omaggio a Piero Sonaglia

Inoltre alla fine della serata Maria ringrazia e dedica la puntata al mitico Piero, lo storico assistente di studio che ci ha lasciati il 2 aprile, citando queste fantastiche parole : ” Lo saluto attraverso l’immagine di tutti i cameraman, che stasera hanno una maglia dedicata a lui, spero e immagino che sia sempre con noi, con il suo pollice in su, a dire che va tutto bene”.

Continua a leggere

ATTUALITA'

IMMIGRAZIONE/Una moderna Odissea omerica

Pubblicato

il

È proprio di ogni essere umano, per natura, l’istinto di scappare da qualsiasi situazione si riveli pericolosa, insoddisfacente e, in qualche modo, non sufficiente per il proprio vivere. Non si tratta semplicemente di insoddisfazione o di un capriccio, ma di un istinto connaturato agli uomini da sempre, dai tempi dell’antica Grecia fino al ventunesimo secolo.

(altro…)

Continua a leggere

ATTUALITA'

LAGO DI BRAIES/A pochi minuti dalla tragedia

Pubblicato

il

Dall’intervista scioccante del soccorritore Franz Gruber, emerge una tragedia scampata per pochi minuti che mette in guardia, ancora una volta, tutti coloro che credono di conoscere a fondo la natura. Ricca di pericoli, proprio nei giorni scorsi ha dato prova della sua forza e imprevedibilità, abbracciando delle sue acque gelide e mortali una giovane famiglia innocente. La famiglia milanese è composta da madre, padre e un bambino di appena quattro mesi; “stavano camminando sul lago ghiacciato quando la lastra si è spezzata e sono caduti in acqua” – racconta il soccorritore.

Nonostante i numerosi interventi sulle Dolomiti, non gli era mai capitata un’emergenza del genere in tutta la sua carriera. Una situazione così precaria, instabile e pericolosa ha dato vita a un clima di timore: una vera e propria corsa contro il tempo, questione di vita o di morte. I soccorsi sono arrivati quando ormai la povera famiglia era stremata dal freddo e dalle condizioni atmosferiche sfavorevoli. Il bambino è stato il primo ad essere portato a riva, non appena l’elicottero di salvataggio è giunto sul luogo (c’era il rischio che fosse già morto). I soccorritori e gli infermieri dell’ospedale di Bressanone, in provincia di Bolzano, hanno poi portato in salvo i genitori (che si sono ripresi solo in ospedale) e il coraggioso ragazzo albanese che si era gettato in acqua nel tentativo di salvarli dopo aver assistito alla scena.

Ad ogni modo, l’impresa di portare a riva ai genitori è stata difficile: “bisognava far presto – afferma Franz Gruber – questa gente rischiava l’ipotermia”. Quando la madre, riacquistati i sensi, si è accorta di non avere con sé il bambino, ha iniziato a urlare tremare. Per uno shock del genere, riprendere completamente il controllo della situazione è un’impresa assai difficile e che richiede tempo. Un tempo che spesso, in situazioni estreme come questa, manca.

La natura non risparmia nemmeno i più innocenti, punisce chi prova in consapevolmente a sfidarla e chi la sottovaluta. Ad ogni modo, l’intera famiglia e il ragazzo albanese che ha provato coraggiosamente a salvarli, sono vivi e stanno bene. I due genitori sono però stati segnalati alla procura dagli investigatori, a causa della poca prudenza dimostrata sul lago: una passeggiata sul lago ricoperto da ghiaccio sottile non è mai l’ideale, e forse questa spaventosa vicenda sarà in grado di evitarne altre.

Continua a leggere

Trending