Connect with us

CAPIRE

INFORMATICA/Il Premio Turing apre le porte all’intelligenza artificiale

Emanuele Canessa

Pubblicato

il

di Emanuele Canessa

– Anche quest’anno vi è stata la consegna del premio Turing, ovvero il corrispondente del Premio Nobel per quanto riguarda il campo informatico. Ad aggiudicarselo sono stati Joshua Bengio, Geoffrey Hinton e Yann LeCun, in virtù dei loro studi sulle “macchine”.

Cosa ci aspetta?

In particolare la consegna di quest’anno apre una marea di possibili futuri in cui ci potremmo ritrovare, mai come adesso infatti lo studio e la progettazione delle intelligenze artificiali sono stati così avanzati. E non si parla solamente di intelligenze capaci di compiere azioni basilari, bensì di macchine in grado addirittura di cambiare la diagnostica delle malattie, velocizzandola e rendendola forse anche più affidabile.
Proprio per questo, il Turing quest’anno è andato a loro tre, perché all’interno di una vera e propria rivoluzione mondiale nessuno come Bengio, Hinton e LeCun è stato importante.

La digressione

È molto interessante anche notare l’età dei tre vincitori: 55, 72 e 59 anni. Questo dato è molto interessante, poiché si tende ad assimilare il concetto di “nuovo” al concetto di “lontano- incomprensibile”, tuttavia essi vengono da qualche generazione prima della nostra e hanno in mano qualcosa che poi le nuove generazioni dovranno gestire, qualcosa che cronologicamente “appartiene” a noi.
Eppure, sono stati loro a cambiare il corso della storia, a dimostrazione del fatto che il “nuovo” dovrebbe corrispondere prima di tutto ad un miglioramento di cosa c’è stato prima.

CAPIRE

VERSO LE EUROPEE/Giovani, tocca a voi

Avatar

Pubblicato

il

26 maggio 2019. Per alcuni, una giorno come un altro, per altri, un incubo che torna: il voto. A distanza di un anno, l’Italia è chiamata di nuovo ad esprimere il proprio voto. Ma siete davvero sicuri di sapere tutto? Non avete la minima idea del destino a cui andrete incontro? Non sapete chi bisogna votare? Niente paura, questo articolo è fatto apposta per voi.

(altro…)

Continua a leggere

CAPIRE

GOOGLE/Che sia la volta buona?

Emanuele Canessa

Pubblicato

il

di Emanuele Canessa

– Il dominio di Google fu registrato il 15 settembre del 1997 e da allora si affermò come il più grande e importante motore di ricerca che esista. Questi, durante gli ultimi 22 anni, è diventato il sito più visitato del mondo, fatturando miliardi e miliardi di dollari.
Durante questi anni in molti ne hanno seguito la scia cercando di eguagliare il colosso. Tuttavia, per adesso, nessuno è stato in grado di farlo. (altro…)

Continua a leggere

ATTUALITA'

PROCESSO SHOCK/Non è stupro, è un maschiaccio

Sara Carminati

Pubblicato

il

– di Sara Carminati

 

  • Si sarà inventata tutto quanto, guardatela, non può essere stata stuprata, non sembra nemmeno una donna, è un maschiaccio.
    Parole che farebbero venire i brividi a chiunque, peggiori se uscite dalla bocca di tre giudici donne.

(altro…)

Continua a leggere

Trending