Connect with us

TERRITORIO

PONTE MORANDI/Il crollo è solo la punta di un iceberg

Pubblicato

il

Pioggia, fulmini, vento. Alle 11.36 un boato terrificante proveniente dalla pila 9 del ponte annuncia il crollo. Quarantatré innocenti muoiono. Questo è il fatto, terribile. Le immagini sono agghiaccianti: svetta a metà della Val Polcevera il ponte amputato. Quella mancanza significa tanto, troppo, non è un semplice cedimento strutturale imprevedibile.

La faccenda del ponte è più complessa e affonda le radici nella storia del nostro bellissimo paese. La pila che si rompe è la frattura del femore di un corpo logoro appartenente alla classe dirigente italiana. Sotto il peso del malcostume, della disonestàdell’abitudine all’illegalità e soprattutto alla corruzionel’osso portante cede e il corpo si accascia.

LE AUTORITA’ SAPEVANO, MA HANNO TACIUTO

Si sapeva del ponte malconcio, ma non pensavamo, noi poveri fruitori e pagatori, che fosse così grave. Ma a quanto pare lo sapevano tutti. Non mi riferisco agli abitanti, che sentivano cigolare le pile o raccoglievano pezzi di cemento sbriciolato. Lo sapevano gli ingegneri strutturali, che vergavano relazioni puntuali sullo stato di consunzione del cemento armato. Invece nulla; il sistema che doveva garantire la nostra sicurezza è talmente inefficiente, che in tutti questi anni non si è accorto di niente. Anzi i cantieri si moltiplicano, perché richiamano soldi e incassi aggiuntivi, ma sono tutti finti.

LA CADUTA DEL PONTE ALTRO NON E’ CHE LA PUNTA DI UN ICEBERG

Noi che qui abitiamo e viaggiamo abbiamo sempre visto in quell’area un susseguirsi di cantieri, che riparavano l’irreparabile e abbiamo sempre pagato gli inesorabili aumenti annuali delle tariffe. Soldi che sparivano in conti off-shore di milionari senza scrupoli con ville gigantesche, barche, piscine, scuole di prestigio per i figli. La caduta del ponte altro non è che la punta di un iceberg. Il flusso sommerso è un’enorme storia di corruzione italiana, di abitudine al disprezzo per le persone e soprattutto alla certezza dell’impunità.

I RESPONSABILI

Non più tardi di quarantotto ore dopo il crollo tutta la famiglia Benetton si è riunita per festeggiare il ferragosto. E questo nel 1700 sarebbe valsa la testa di tutti i Benetton, ma per fortuna quei tempi sono lontani e a tutti basterebbe una condanna definitiva.

FERITA ANCORA APERTA

Con il crollo si è spaccata definitivamente la fiducia tra il popolo e le istituzioni, perché solo con la caduta del ponte abbiamo scoperto che i contratti di affitto della rete autostradale avevano durate impensabili e lo Stato vigilava per finta o peggio, chi controllava la manutenzione, spesso era la stessa proprietà. Tutto ciò noi non lo sapevamo.

L’INEFFICIENZA DELLO STATO

L’allora ministro Salvini insieme al governatore Toti salgono sul ponte ricostruito, sorridenti, per fare i selfie immortalando l’efficienza, che non è stata merito loro. Non abituiamoci a tragedie come il Morandi a Genova e come la Concordia al Giglio, esigiamo rispetto delle regole e del prossimo. Nel nostro paese si trova sempre il modo di diventare ricchi in maniera non regolamentare e sarebbe bello che di fronte a questa possibilità ognuno di noi fosse tanto forte da rinunciarci.

TERRITORIO

EUROFLORA 2022/Una stagione colorata

Pubblicato

il

In una splendida armonia di colori, profumi e scenari quasi fiabeschi, si apre la dodicesima edizione della più nota manifestazione floreale del Mediterraneo: Euroflora.                                                                                         Per la seconda volta, sono proprio i rinomati Parchi di Genova Nervi, ben noti e cari ai liguri, la sede dell’evento dal 23 aprile all’8 maggio. Ma, dopo due lunghi anni di attesa, sembra non si potesse sperare in una ripresa migliore; ancora una volta, questo ritorno è ciò che brillante creatività e un panorama impeccabile ci hanno garantito.

Struttura e contributori

Contornato dalla flora tipica del parco e dalle vecchie ville genovesi, si schiude qui un intreccio giocoso di vegetazione di ogni tipo, proveniente da tutta Europa e non solo. Infatti, diversi Paesi hanno donato e rappresentato la loro flora tipica alla manifestazione, contribuendo a renderla ancora più variegata e unica nel suo genere. Ospiti fondamentali sono: L’Ambasciata dei Paesi Bassi, la Cina, la Spagna, la Francia, gli USA e le diverse regioni dell’Italia stessa. A  ciascuno di questi contributori è donata una zona dei parchi dove sfoggiare le proprie perle, facendoci appassionare sempre di più a questo piccolo Eden. Tutto ciò è possibile grazie al grande impegno di lavoratori, florovivaisti, paesaggisti, progettatori e tanti altri, che da nulla si sono fatti arrestare, pur di mettere in scena un tale spettacolo.

Perscorsi sensoriali

Oltre a piante, alberi e meravigliosi fiori, le protagoniste dell’edizione di quest’anno sono state le fontane, l’acqua. Infatti, ben 18 di queste accompagnano i visitatori in un percorso sensoriale completo, introducendo l’elemento acquatico di per sé assente nei parchi di Nervi. Pertanto, mentre si cammina, si può: con la vista, ammirare sculture floreali, composizioni e  piccoli mondi in cui immergersi completamente; con l’olfatto, essere stuzzicati da mille profumi e aromi curiosi; con l’udito, farsi guidare dal fruscio delle fontane e dalla musica. L’immersione nell’atmosfera è garantita. Migliaia di turisti ora animano Genova verso e dentro la manifestazione, dando la vita e vivacità che questo quadretto a picco sul mare merita.

Continua a leggere

TERRITORIO

CONFABULATIO/Quando un blog crea il confronto

Pubblicato

il

Benvenuti amici di Confabulatio, oggi siamo qui per raccontarvi di un’iniziativa interessante, nata proprio dai ragazzi della nostra scuola. 

Da anni ormai è stato introdotto nelle scuole un programma di educazione civica, che sembra, però, non avere molto successo; spesso si affrontano argomenti di cittadinanza in modo poco coinvolgente e interattivo. Ma non per tutti è così. Infatti gli studenti della 4A linguistico, in collaborazione con l’insegnante di religione, con il quale hanno letto il romanzo di Fabio Geda “L’esatta sequenza dei gesti”, hanno dato vita a un blog, completamente autogestito. Su questa pagina gli studenti si sentono liberi di scrivere ciò che pensano e di offrire spunti di riflessione riguardanti il libro, che hanno letto insieme. 

Così siamo andate a intervistarli e a farci raccontare qualcosa in più.

 

Come è nata l’idea di creare un blog?

L’idea di creare questo blog è nata dal Professor Cagnazzo, che voleva cercare un modo alternativo per poterci confrontare sulle riflessioni che il libro ha suscitato in noi.

In cosa consiste il vostro blog?

Il blog è un insieme di articoli dove si possono trovare stimoli, ovvero piccole considerazioni o citazioni del libro, che possono suscitare riflessioni. Inoltre troviamo dei post in cui ognuno degli studenti ha esposto la propria opinione su una parte del libro precisa o in generale.

Cosa vi aspettate in futuro da questo blog?

Purtroppo non abbiamo molte aspettative per il futuro del blog crediamo, infatti, che, una volta concluso il progetto, il blog terminerà di conseguenza, ma speriamo che l’autore del libro apprezzi il nostro lavoro. 

Cosa avete imparato da questa esperienza?

Da questa esperienza abbiamo imparato come collaborare insieme, come creare e gestire un blog e soprattutto in cosa consiste il lavoro di “blogger”.

 

Sicuramente una bellissima esperienza per i ragazzi di 4A Linguistico, infatti riteniamo che sia importante fare tesoro di questo “esperimento”, seppur breve, che rappresenta un modo arricchente e più interattivo di fare scuola.

 

Link del blog:

Home

 

Continua a leggere

SCUOLA e TERRITORIO

ERASMUS+/Tanto entusiasmo per l’inizio del progetto

Pubblicato

il

Finalmente il tempo dell’attesa è terminato. Oggi, venerdì 18 marzo, i corrispondenti europei, con cui il nostro Istituto ha collaborato a distanza in questi anni di pandemia, ci hanno raggiunto a Rapallo, per iniziare insieme una magnifica esperienza di formazione e divertimento.

In cosa consiste il progetto Erasmus+?

Il progetto Erasmus+, a cui ha aderito anche il Liceo Da Vigo-Nicoloso, è un’esperienza formativa per giovani, finanziata dall’Unione Europea. Il progetto consiste in una collaborazione attiva tra i diversi Paesi che aderiscono all’iniziativa, con lo scopo di portare a termine insieme un programma di lavoro, progettato e preparato dagli stessi partecipanti durante gli incontri.

In questo caso, il fine ultimo del progetto, è l’apertura nelle scuole, con cui stiamo collaborando, di uno spazio online, una pagina esattamente come la nostra, dove gli studenti possano riportare e commentare notizie di attualità e non solo.

Come si è svolto e si svolgerà il progetto?

Nella giornata di ieri (giovedì 17) le famiglie ospitanti hanno incontrato tutti i ragazzi stranieri, provenienti da Grecia, Polonia, Romania e Spagna. In seguito alle attività di benvenuto, ricche di entusiasmo e partecipazione, la prima mattinata si è conclusa con il primo progetto, riguardante le caratteristiche di un blog e alcuni esercizi di scrittura creativa.

La giornata è proseguita con il percorso a piedi tra Rapallo e Santa Margherita Ligure, tra chiacchiere e risate. Dopo la gita in battello fino a Portofino e la seconda parte dell’attività, la serata si è conclusa con una pizza in compagnia.

I giorni seguenti, tra attività formative e percorsi a piedi alla scoperta dei magnifici territori della riviera ligure, si prevedono all’insegna della socializzazione e del divertimento.

Continua a leggere

Trending