Connect with us

MONDI

TRIAL/Uno sport “only for brave people”

Avatar

Pubblicato

il

Prev1 of 2
Use your ← → (arrow) keys to browse

Il trial è una disciplina sportiva motociclistica, questa disciplina è praticabile sia da maschi che da femmine a qualsiasi età, gli elementi principali sono la concentrazione e la capacità del pilota a mantenere l’equilibrio.
Il nome di questo sport nasce dall’unione di due parole inglesi: “try all”, che significa provare
tutto, già da questo si può capire lo spirito di questo sport ( provare a superare qualunque tipo di ostacolo, sia quello naturale “trial outdoor” sia quello artificiale “trial indoor”).
Si fa risalire la storia del trial agli inizi del XX secolo con le prime gare, in Inghilterra, con moto di serie, obbligate a percorrere le strade del tempo, già di per sé stesso normalmente in condizioni pessime, intervallate da salite ripidissime. Il Trial moderno nasce circa nel 1945. Dall’inizio degli anni cinquanta nacquero i primi prototipi (works bikes) delle più famose case inglesi. Alcuni modelli entrarono poi nei listini e furono prodotti in discrete quantità, dato il crescente numero di richieste da parte degli sportivi. Il trial divenne il vero banco di prova per misurare l’abilità di guida dei piloti e nel contempo un eccellente punto di confronto dei mezzi.
Il primo Campionato Mondiale di Trial venne organizzato nel 1975 e, in quell’edizione inaugurale, la prova italiana fu disputata sul circuito del Vandalino (vicino a Torino).
Le competizioni di trial outdoor si svolgono generalmente su un percorso all’aperto con 10/15 zone fetucciate, aventi ostacoli obbligati in base al livello di abilità e controllate da un giudice di zona, da percorre per 2/3 giri e in un tempo massimo di 5/6 ore ;

però da quest’anno lo svolgimento sarà differente: le categorie elevate gareggeranno il sabato e la domenica pomeriggio, invece le categorie ‘inferiori’ solo la domenica mattina, inclusa la categoria femminile. Lo scopo dei concorrenti è quello di cercare di superare gli ostacoli senza mai appoggiare i piedi giù dalla moto.

Le penalità vengono cosi assegnate:
1 piede appoggiato a terra = 1 penalità
2 piedi = 2 penalità
3 o più piedi = 3 penalità
Manubrio che tocca a terra, togliere la mano dal manubrio col piede a terra, rottura della fettuccia, spegnimento della moto col piede a terra , scendere dalla moto o non completare la zona = 5 penalità
Ogni minuto di ritardo (nel tempo totale) = 1 penalità
Alla fine sarà vincitore chi avrà ottenuto meno penalità
Il trial indoor si svolge generalmente in piazze o palazzetti e la differenza dal trial outdoor è che gli ostacoli vengono creati artificialmente.
Si svolgono anche delle mulatrial cioè giri autorizzati che permettono di percorrere vecchi sentieri o mulattiere godendosi meravigliosi paesaggi.
Attualmente il campione italiano di trial è Matteo Grattarola (classe 1988 ) e il
campione mondiale in carica è Toni Bou (classe 1986).

E voi ragazzi? Che aspettate a praticare il trial? Chissà che nel prossimo articolo non si parli proprio di voi…

 

Prev1 of 2
Use your ← → (arrow) keys to browse

Continua a leggere

MONDI

OSCAR 2020/Tra guerra e criminalità trionfa Joker

Avatar

Pubblicato

il

La notte degli oscar si avvicina, domenica 9 febbraio, infatti, vi sarà, per la novantaduesima volta, la sera della consegna dell’ambito premio cinematografico, la prima di questa nuova decade (altro…)

Continua a leggere

MONDI

SANREMO 2020/Siete pronti per la 70° edizione?

Avatar

Pubblicato

il

”Ho subito pensato di voler fare un Festival che potesse stupire”, queste le parole del conduttore televisivo Amadeus che quest’anno avrà il privilegio di condurre Sanremo 2020, il Festival della canzone italiana che si tiene ogni anno in provincia di Imperia, in Liguria.

Dal 4 all’8 febbraio, infatti, 22 cantanti italiani si esibiranno sul palco dell’Ariston portando nuova musica e cercando di emozionare il pubblico lì presente e quello a casa. Tra gli esordienti possiamo citare Elettra Lamborghini, Anastasio, Levante, Alberto Urso, Junior Cally, Rancore e Riki che proveranno per la prima volta l’emozione di cantare su un palco così importante. Non è di certo un’esperienza nuova però per gli altri Big, come Achille Lauro e Enrico Nigiotti che avevano già partecipato l’anno scorso, Elodie, Marco Masini e Francesco Gabbani che erano già stati al Festival nel 2017 e tanti altri. Parteciperanno anche gli artisti vincitori di Sanremo Giovani 2019 che fanno parte quindi della Sezione ‘Nuove Proposte’, tra cui c’è Fasma, Leo Gassman e Tecla Insolia, vincitrice di Sanremo Young. La 70° vedrà quindi il ripristino di questa sezione che era stata eliminata nell’edizione precedente.

Durante le 5 serate verranno ospitati Fiorello, Roberto Benigni, Tiziano Ferro, il cantante internazionale Lewis Capaldi, Emma Marrone, Pierfrancesco Favino e altri ancora. Insomma, non mancherà certo l’occasione di farsi due risate.

La trasmissione andrà in onda su Rai 1, Rai Radio 2 e Radio Italia e Amadeus sarà accompagnato da diverse 5 co-conduttrici. In palio c’è la partecipazione all’Eurovision Song Contest 2020 che quest’anno si terrà a maggio a Rotterdam, nei Paesi Bassi. Le votazioni avverranno con un sistema misto composto dalla giuria demoscopica, da quella della sala stampa e dal televoto. Sarà poi eseguita una nuova votazione per i primi tre classificati.

Non ci resta quindi che domandarci: chi sarà il vincitore della 70° edizione di Sanremo?

Continua a leggere

DIVERTIMENTO

LETTURA/La veloce scomparsa delle biblioteche

Avatar

Pubblicato

il

I giovani – e non solo – non ci vanno più; meno della metà della popolazione nel nostro paese legge libri. I dati sono devastanti: in dieci anni abbiamo perso tre milioni e trecento mila lettori; difatti risulta che quasi il sessanta per cento degli italiani non legge neanche un libro all’anno. (altro…)

Continua a leggere

Trending