Connect with us

L'EDITORIALE

“Not all men, but all women”, che cosa sta sbagliando la società?

Tea Sperandio

Pubblicato

il

Il 97% delle donne negli Stati Uniti è stato vittima di catcalling, abusi, stupri, immagini pornografiche ricevute senza richiesta e molto altro. Sempre in America una donna su sei è vittima di stupro, in Italia invece negli ultimi 5 anni sono 2 milioni 435 mila quelle che hanno subito almeno una forma di violenza fisica o sessuale.

“Not all men, but all women”è questa la frase che da ormai diversi giorni mi ritrovo sulle homepage di diversi social, tra cui Instagram e Tik Tok. L’hastag “not all men” (non tutti gli uomini) esiste già da diversi anni e viene spesso usato in risposta ad episodi di violenza contro le donne.

Nell’ultima settimana, dopo il rapimento di Sarah Ervard a Londra, moltissime persone si sono mobilitate nelle piazze londinesi e sui social per ricordare che sono ancora troppe le donne in tutto il mondo vittime di violenza.

Considerare abuso “solo un ipotetico stupro”

Molto spesso parlando con i miei amici, sia maschi che femmine, vedo troppo stesso minimizzato il tema dell’abuso nei confronti di una donna.  Mi viene sempre risposto che il più delle volte siamo davanti a reazioni esagerate, ma è davvero così?

Prestare attenzione a come ci si veste, non camminare sole alla sera in luoghi isolati, sentirsi chiamare delle poco di buono, una suonata di clacson: queste sono tutte cose che purtroppo nel mondo femminile sono ormai minimizzate, se non normalizzate.

Uno stupro non è paragonabile a una palpata o più semplicemente ad una suonata di clacson, ma questo non rende le ultime due cose meno “abusi”.  Sono diversi tipi di molestia? Sì, una è quasi verbale, le altre due decisamente più fisiche, ma ricordiamoci che stiamo comunque parlando di molestia.

Un tu per tu con la propria sessualità

Una ragazza può reagire a uno stupro tanto male quanto un’altra può farlo per una palpata, tutto dipende dalla persona in questione, dalla propria personalità e sensibilità.

C’è un motivo se la sessualità è una cosa privata, che non si “sbandiera ai quattro venti”, ognuno la vede e la vive a modo suo, senza che siano gli altri a decidere. Quando questa sessualità, questa linea privata, viene forzata in qualsiasi modo può suscitare diverse reazioni non volute, che di sicuro non fanno piacere a nessuno.

La persona che abusa è l’unica ad avere la colpa

Mettiamocelo in testa, non è mai colpa di una ragazza o del suo comportamento, un abuso resta un abuso e il dito va puntato contro la persona che lo compie.

Una donna è libera di vestirsi corta e andare ad una festa in piena notte da sola e non per questo deve temere di essere stuprata. A noi ragazze non dovete dire di vestirci bene o di trovare un ragazzo che ci accompagni a casa “solo per sicurezza”, bensì dovete insegnare agli uomini a comportarsi.

Un vestito attillato non è consenso, così come non lo è l’essere ubriaca, l’andare in giro da sola tardi, l’atteggiarsi in maniera più “sexy” e tante altre cose.

Non tutti gli uomini sono così

Non siamo stupide, lo sappiamo che generalizzare non serve a nulla ed è anche sbagliato. Allo stesso tempo provate a mettervi nei nostri panni ogni volta che vi balena nella mente questo concetto di “non tutti gli uomini sono così”.

Devo veramente scrivere quante volte mi sono arrivate foto non richieste da uomini che neanche conoscevo? Quante volte mi sono state richieste direttamente delle foto di questo genere? Ogni giorno che torno da allenamento, camminando per neanche quindici minuti, i clacson che sento suonare sono minimo due. Tutte le palpate in discoteca o le avances di sconosciuti dopo aver detto chiaramente di no.

Purtroppo non sono solo io a vivere queste cose, ma altre innumerevoli ragazze, donne e bambine. Non vogliamo generalizzare o esagerare quando parliamo e riparliamo di questi argomenti, volgiamo solo fare capire alle future generazioni e agli uomini stessi che cosa comportano delle loro ipotetiche azioni.

Not all men

Usare questo hastag “not all men” oltre che essere irrispettoso e ridicolo è anche sinonimo di incoerenza e poca capacità di comprensione: nessuna di noi quando parla di abusi dice “tutti gli uomini sono così”. Non siamo davanti ad una lotta maschi contro femmine, ma siamo in una continua battaglia contro chiunque compia abusi.

L'EDITORIALE

Vacanze post pandemia: riscopriamo il piacere di viaggiare

Tea Sperandio

Pubblicato

il

Quante volte durante questo periodo di pandemia abbiamo sentito in noi il desiderio di uscire di casa per andare alla ricerca di nuove avventure?  L’estate è finalmente arrivata, ma partire per l’estero sembra ancora un’utopia: tanti sono i documenti da preparare e troppe le incertezze.

(altro…)

Continua a leggere

L'EDITORIALE

Omicidio Chiara: non dobbiamo restare immobili

Avatar

Pubblicato

il

Domenica 27 giugno Chiara Gualzetti esce di casa e saluta per l’ultima volta i genitori. Poche ore dopo verrà accoltellata, picchiata e abbandonata dalle mani di un sedicenne, suo amico. L’omicidio è compiuto nei pressi dell’Abbazia di Monteveglio, sui colli bolognesi. L’assassino, Davide (nome di fantasia), racconta di essere stato sollecitato da un demone interiore che da tempo si era impossessato del suo volere.  (altro…)

Continua a leggere

L'EDITORIALE

Omicidio Chiara Gualzetti: quando la morte non ha un perché

Sara Avallato

Pubblicato

il

Sembra un racconto di fantasia la morte di Chiara Gualzetti, che a soli quindici anni è stata trovata senza vita nella campagna di Bologna. Non il solito omicidio commesso da qualche sconosciuto malintenzionato nel cuore della notte e neanche un delitto passionale da parte di qualche ex fidanzato che non sapeva accettare di poter essere lasciato. Di storie simili se ne sentono ogni giorno e quasi ci si fa l’abitudine, i nomi delle vittime si confondono gli uni con gli altri, come le circostanze che hanno portato alla loro morte. Si rimane amareggiati, certo, ma ormai sembra una sorta di routine, qualcosa di inevitabile. 

Allora si cerca di insegnare alle proprie figlie a non tornare tardi la sera, a tenere sempre il cellulare acceso, a diffidare dagli sconosciuti e a rifiutare i drink offerti in discoteca. Si fa di tutto per provare a proteggere chi si ama dalle minacce della vita vera, ma una volta che i figli crescono è inevitabile che facciano esperienza del mondo in autonomia; un mondo che offre tanto da scoprire ma anche tanto da temere. Lo sanno tutti i genitori che restano svegli fino a tardi ad aspettare di sentire la chiave girare nella serratura e di vedere i propri figli tornare a casa, di nuovo al sicuro. Uno scenario diverso, però, resta sempre il terrore più grande: e se la porta non si aprisse, se mia figlia non tornasse più?

Il caso Gualzetti

È quello che è successo alla madre di Chiara Gualzetti e a troppe altre madri che non potranno mai smettere di chiedersi se avrebbero potuto fare qualcosa di più per evitare la tragedia.

Chiara, poi, non stava tornando dalla discoteca all’alba quando si sono perse le sue tracce. Era uscita a fare una passeggiata in pieno giorno, dietro casa, insieme a un amico di famiglia. Chiara non aveva bevuto alcol, aveva il cellulare acceso e aveva detto a sua madre dove sarebbe andata. Le aveva anche detto “torno presto”, ma non poteva sapere che non sarebbe stato vero. Non poteva immaginare che il suo coetaneo, che aveva lavorato per un mese nell’azienda di suo padre, diceva di avere un demone dentro di sé che lo spingeva a farle del male, né poteva sapere che pochi giorni prima il ragazzo avesse confessato ad un amico di volerla uccidere perché “gli dava sui nervi”. 

Anzi, Chiara provava anche qualcosa per quel suo amico e non aveva alcuna ragione di dubitare di lui. A sedici anni, dopo tutto, non si può essere così malvagi. Si può fare qualche bravata, sì: stare fuori un po’ troppo, fumare qualche sigaretta, ma uccidere? Sembra incomprensibile, un terribile malinteso. I killer non sono i ragazzini di seconda liceo, gli stessi che ancora devono chiedere il permesso ai genitori per andare a dormire da un amico e che stanno studiando per prendere la patente del motorino. 

Un omicidio senza un perché

La verità però è un’altra. Il pericolo può nascondersi ovunque, anche nelle situazioni apparentemente più innocue. Ogni tanto lo si dimentica, si cerca di ignorarlo. Poi il telegiornale racconta di un evento come questo e non si può che pensare a quanto la vita sia imprevedibile, a come non ci sia modo di poter essere sempre, veramente al sicuro. 

Già in questi giorni si sta svolgendo la perizia psichiatrica del killer, che richiederà anche qualche mese perché si riesca a comprendere la natura del crimine. Da lì si determinerà la pena per l’omicidio di Chiara. Forse ricevere un verdetto porterà un minimo di serenità ai genitori della vittima, o almeno fornirà qualche risposta ai mille interrogativi che una tragedia come questa porta con sé. 

Qualunque sia l’esito delle indagini, però, nessuno rivedrà il sorriso di Chiara e i suoi genitori non potranno avere indietro l’affetto di una figlia che aveva ancora tutta una vita davanti a sé. Che sia schizofrenia o semplice furia omicida, resta il fatto che nessuno avrebbe potuto prevedere un evento simile; che nessun divieto e nessuna chiamata in più avrebbe potuto salvarla. Si può fare tutto il possibile per mettere al sicuro chi si ama, ma a volte la previdenza non basta. Non bastano le regole, i divieti ed i controlli. 

A volte il male può arrivare dalle persone di cui ci fidiamo: anche dal ragazzino che vive poche case più in là insieme alla madre che ha quel negozio dove andiamo a fare la spesa ogni tanto, la stessa che incontriamo quando andiamo a prendere i nostri figli a scuola.

E ora rimane solo il dolore

Posti davanti a vicende come queste non si può fare altro che accettare che a volte le cose brutte non hanno un perché, accadono e basta. Troppo spesso cerchiamo risposte semplici a problemi complessi: se non fosse uscita così tardi, se avesse denunciato prima, se non avesse bevuto… Quando invece la vittima è una ragazzina di quindici anni uscita a fare un giro dietro casa con un amico di famiglia non esiste nessun se, nessun ma. Si può solo accettare che il male non è attratto da chi “se la cerca”, non ha spiegazione né ragioni. Il male accade e basta, per mano di persone che non badano a nulla se non a quel moto di violenza che non ci è dato conoscere, ma che non possiamo far altro che temere.

Chiara è solo una delle tante ragazze che non potranno mai iscriversi all’università, trasferirsi, innamorarsi. I loro genitori non le vedranno crescere e farsi una famiglia, potranno solo rimanere con il lacerante dubbio di come una cosa del genere sia potuta accadere, e perché proprio alle persone che più amavano al mondo, che avevano giurato di proteggere e accudire. Forse l’unica cosa che potrà portare loro un minimo di sollievo sarà sapere che la colpa non è loro, che neanche la miglior madre e il miglior padre del mondo avrebbero potuto salvare il proprio figlio.

Allora, se il dolore per la scomparsa della piccola Chiara è condiviso da tutti, non si può dimenticare anche la sofferenza di chi l’ha messa al mondo e se l’è vista portare via una mattina di giugno come un’altra, dopo un saluto come un altro, un “a dopo!” uguale a quello di tanti altri ragazzi a cui non è toccata la stessa sorte.

Continua a leggere

Trending