Connect with us

ATTUALITA'

#IConflittidelVenerdi – Tibet e Cina, esiste una via d’uscita?

Pubblicato

il

di Vesselin Adriano Torrero

– Questa settimana parlerò  di un conflitto ignorato dai più, cioè degli attriti fra il Tibet (relegato a semplice provincia cinese) ed il governo di Pechino, promotore di molte iniziative al limite della legalità che stanno danneggiando le tradizioni tibetane.

LE PRIME CRISI

Nel 1950 la Cina, un anno dopo la fondazione della Repubblica Popolare Cinese da parte di Mao Zedong, invase il Kham occidentale; si è trattato di un evento inedito in quanto il Tibet, fino ad allora,si era  mantenuto indipendente grazie agli inglesi, assumendo il ruolo di stato cuscinetto fra la colonia indiana e la Cina stessa.

Ci fu un tentativo di avvicinamento fra i due Paesi, ma troppo diversi erano i loro obiettivi; ne seguirono inevitabilmente degli scontri armati, portando all’occupazione integrale del Tibet e dichiarando l’illegalità del governo. Oggi il Dalai Lama, la massima autorità politica e religiosa tibetana, vive nella provincia di Dharamsra in India, dove ha anche sede il governo tibetano in esilio.

I CRIMINI DELLA CINA

“La Cina sta eliminando in modo crudele e caparbio ogni forma di libertà e pratica religiosa. Le autorità devono porre fine allo smantellamento della comunità, spiegare le ragioni del loro comportamento a Larung Gar e Nyingtri (dove sono avvenuti degli episodi di violenza psicologica nei confronti di alcuni monaci) e porre fine alle restrizioni imposte ai monaci allontanati dall’istituto consentendo loro di dedicarsi pienamente alla pratica e ai rituali religiosi”.

Queste sono le parole di Sophie Richardson, direttrice di “Human Rights Watch” in seguito ad episodi di espulsione di religiosi e di sessioni di ri-educazione forzata; monaci e monache sono sottoposti a trattamenti degradanti e costretti a seguire vere e proprie lezioni di ri-educazione politica (oltre ad essere privati della libertà personale). La Cina sta cercando di cancellare ogni forma di dissenso religioso o politico, considerati un pericolo per il regime cinese in Tibet e sradicando in tal modo le tradizioni di un intero popolo.

Le regioni espropriate ai monaci vengono “modernizzate” dalle autorità cinesi demolendo talvolta interi centri destinati ai pellegrini in visita ai luoghi sacri.

LE RIPERCUSSIONI SOCIALI

E’ drammatico osservare come dal febbraio del 2009 si siano immolati con il fuoco 148 tibetani per protestare contro il regime di Pechino: l’ultimo caso è avvenuto il 15 aprile nella città di Kardze nella regione del Kham.

Il mondo comunque sembra non voler dare peso a questi fatti drammatici in quanto andrebbero contro gli interessi di una potenza emergente come la Cina, destinata a diventare in futuro un Paese cardine dell’equilibrio mondiale assieme a USA e Russia.

Come al solito la storia si ripete, come  ad esempio in SiriaUcraina  o Yemen: l’economia domina la storia e l’opinione pubblica, non sicuramente il contrario…

Se ti interessano altri articoli della stessa rubrica:

Venezuela, una situazione incandescente di cui non si parla.

ATTUALITA'

LUIGI STRANGIS/Vincitore di Amici di Maria De Filippi

Pubblicato

il

Domenica 15 maggio si è svolta la finale del programma più seguito del sabato sera, inutile ricordare che la conduttrice De Filippi con questo programma, ogni anno fa moltissimi record di ascolti, solo in quest’ultima puntata ha raggiunto cinquemilioni di spettatori !
Come ogni finale la super Maria ci ha stupito con ospiti e collegamenti telefonici, da Ultimo, Sabrina Ferilli, Alessandra Amoroso e persino la campionessa italiana di scii alpino e di discesa libera, Sofia Goggia, quindi si può tranquillamente affermare che questa serata è stata colma di colpi di scena .

I sei finalisti al centro della serata

I protagonisti di questa puntata sono indubbiamente i sei finalisti, ognuno con un talento, ognuno con tanta voglia di lavorare e fare della propria passione un lavoro, tutti diversi ma con lo stesso sogno, alzare quella coppa.
I primi ad abbandonare questo sogno sono : Albe che con la sua leggerezza ci ha fatti divertire, Sissi che con la sua magnifica voce ci ha regalato emozioni uniche e poi Alex che si è sfidato per ultimo con il suo più grande avversario ma allo stesso tempo con la persona con cui ha legato di più…questo duello è stato pazzesco, entrambi hanno una personalità e un modo di emozionare da urlo e finalmente è stato bellissimo vederli supportarsi di nuovo a vicenda con tanti scambi di sorrisi e sguardi indimenticabili.
Per quanto riguarda la finalissima di ballo ad arrivare è stato Michele, ballerino talentuossisimo, inoltre invitato a ballare al final show di On Dance il 5 settembre a Milano da Roberto Bolle e Serena che abbattendo tutti i giudizi è riuscita ad arrivare in finale e ad ottenere un borsa di studio di un anno all’ Alvin Ailey School di New York .

Questa sera ad alzare quella coppa e a vincere 150mila euro è stato  Luigi Strangis ma come ha detto Maria, tutti hanno vinto, imparando e crescendo artisticamente e umanamente, demolendo ogni insicurezza !
Il vincitore ha dimostrato molta dedizione e un infinito amore verso la sua famiglia e queste seguenti parole, riguardanti il montepremi vinto, che ha rilasciato durante un’intervista lo ha confermato: “Li investirò per perfezionare il mio lavoro. Regalerò una vacanza ai miei che se lo meritano. Si meritano di staccare un po’. Hanno lavorato tanto per me e non farmi mancare nulla. Mi hanno sempre appoggiato. E poi, devo dirlo, non è stato facile stare al mio fianco”

L’omaggio a Piero Sonaglia

Inoltre alla fine della serata Maria ringrazia e dedica la puntata al mitico Piero, lo storico assistente di studio che ci ha lasciati il 2 aprile, citando queste fantastiche parole : ” Lo saluto attraverso l’immagine di tutti i cameraman, che stasera hanno una maglia dedicata a lui, spero e immagino che sia sempre con noi, con il suo pollice in su, a dire che va tutto bene”.

Continua a leggere

ATTUALITA'

IMMIGRAZIONE/Una moderna Odissea omerica

Pubblicato

il

È proprio di ogni essere umano, per natura, l’istinto di scappare da qualsiasi situazione si riveli pericolosa, insoddisfacente e, in qualche modo, non sufficiente per il proprio vivere. Non si tratta semplicemente di insoddisfazione o di un capriccio, ma di un istinto connaturato agli uomini da sempre, dai tempi dell’antica Grecia fino al ventunesimo secolo.

(altro…)

Continua a leggere

ATTUALITA'

LAGO DI BRAIES/A pochi minuti dalla tragedia

Pubblicato

il

Dall’intervista scioccante del soccorritore Franz Gruber, emerge una tragedia scampata per pochi minuti che mette in guardia, ancora una volta, tutti coloro che credono di conoscere a fondo la natura. Ricca di pericoli, proprio nei giorni scorsi ha dato prova della sua forza e imprevedibilità, abbracciando delle sue acque gelide e mortali una giovane famiglia innocente. La famiglia milanese è composta da madre, padre e un bambino di appena quattro mesi; “stavano camminando sul lago ghiacciato quando la lastra si è spezzata e sono caduti in acqua” – racconta il soccorritore.

Nonostante i numerosi interventi sulle Dolomiti, non gli era mai capitata un’emergenza del genere in tutta la sua carriera. Una situazione così precaria, instabile e pericolosa ha dato vita a un clima di timore: una vera e propria corsa contro il tempo, questione di vita o di morte. I soccorsi sono arrivati quando ormai la povera famiglia era stremata dal freddo e dalle condizioni atmosferiche sfavorevoli. Il bambino è stato il primo ad essere portato a riva, non appena l’elicottero di salvataggio è giunto sul luogo (c’era il rischio che fosse già morto). I soccorritori e gli infermieri dell’ospedale di Bressanone, in provincia di Bolzano, hanno poi portato in salvo i genitori (che si sono ripresi solo in ospedale) e il coraggioso ragazzo albanese che si era gettato in acqua nel tentativo di salvarli dopo aver assistito alla scena.

Ad ogni modo, l’impresa di portare a riva ai genitori è stata difficile: “bisognava far presto – afferma Franz Gruber – questa gente rischiava l’ipotermia”. Quando la madre, riacquistati i sensi, si è accorta di non avere con sé il bambino, ha iniziato a urlare tremare. Per uno shock del genere, riprendere completamente il controllo della situazione è un’impresa assai difficile e che richiede tempo. Un tempo che spesso, in situazioni estreme come questa, manca.

La natura non risparmia nemmeno i più innocenti, punisce chi prova in consapevolmente a sfidarla e chi la sottovaluta. Ad ogni modo, l’intera famiglia e il ragazzo albanese che ha provato coraggiosamente a salvarli, sono vivi e stanno bene. I due genitori sono però stati segnalati alla procura dagli investigatori, a causa della poca prudenza dimostrata sul lago: una passeggiata sul lago ricoperto da ghiaccio sottile non è mai l’ideale, e forse questa spaventosa vicenda sarà in grado di evitarne altre.

Continua a leggere

Trending