Connect with us

ShareTheArt

UNTERGUNTHER/I Robin Hood dell’arte dimenticata

Pubblicato

il

di Sara Carminati

– Gli Untergunther sono un gruppo di restauratori, architetti ed esperti d’arte che, volendo mettere in luce tesori artistici ormai dimenticati, operano in quasi totale clandestinità a Parigi. Essi agiscono di notte intrufolandosi in edifici nazionali e monumenti eludendo, grazie alla collaborazione di un esperto, i sistemi di sicurezza; non è infatti possibile trovare alcun video sul web che li ritragga durante la loro attività.

Gli Untergunther vogliono restaurare principalmente opere che sembrano invisibili per l’amministrazione, che a malapena possiede i soldi per preservare le opere più importanti, di conseguenza lascia in rovina quelle con meno rilevanza.

I paladini del restauro clandestino di Parigi hanno mantenuto per un anno, partendo dal settembre del 2005, una specie di base segreta sulla cima del Pantheon per poter lavorare su un antico orologio Wagner costruito nel 1850, che è bloccato dal 1960 per un sabotaggio agli ingranaggi.

Dopo un anno dall’inizio dei lavori gli Untergunther hanno restaurato l’orologio e non possono più mantenere l’anonimato, sia per l’importanza dell’edificio, che avevano abitato abusivamente, sia per la manutenzione costante che avrebbe necessitano l’orologio. Si dirigono dall’amministratore del Pantheon per comunicargli l’intenzione di rimettere il Wagner in moto, ricevendo però dall’uomo una denuncia immediata, caduta subito dato che la legge francese non si occupa di chi si introduce illegalmente in un edificio nazionale.

In seguito l’orologio è stato bloccato nuovamente dalle autorità preoccupate di doversi occupare dell’opera.

Pochi giorni dopo scatta una nuova denuncia contro di loro, perché stati sono colti sul fatto mentre si introducevano nuovamente nel Pantheon con una troupe di giornalisti giapponesi, ma anche in questo caso vengono assolti.

In questo momento sono chissà dove a restituire l’antico splendore ad opere dimenticate, non con lo scopo di ricevere qualcosa in cambio, ma trascinati semplicemente dalla loro passione per l’arte e per questo ritengo che siano persone ammirevoli e degne di riconoscenza da parte di tutti gli amanti di oggetti con valenza storica.

ShareTheArt

ILIADE A FUMETTI/14. Epilogo

Achille, dopo aver ucciso Ettore, fece scempio del suo cadavere umiliando la memoria dell’eroe troiano e privandolo di una degna sepoltura. Solo l’intervento degli dei e le parole del povero Priamo riuscirono a frenare la cieca rabbia dell’acheo che, mosso finalmente dalla compassione, decise di mettere da parte la collera e recuperare la sua umanità…

 

Continua a leggere

ShareTheArt

ILIADE A FUMETTI/13. Un’epica vendetta

Teti portò le nuove armi armi ad Achille che, pieno d’odio, tornò sul campo di battaglia con un unico desiderio: vendicare Patroclo.

Continua a leggere

ShareTheArt

ILIADE A FUMETTI/12. Il compianto di Achille

Nel campo di battaglia gli Achei assistettero alla morte di Patroclo e alcuni compagni si preoccuparono di portare il corpo in salvo. Nel frattempo, Achille attendeva con ansia il ritorno dell’amico, ma Antiloco giunse con un terribile messaggio per lui.

Continua a leggere

Trending